Cos'è un mercato comune?

Un mercato comune è un accordo formale in cui si forma un gruppo tra diversi paesi in cui ogni paese membro adotta una tariffa esterna comune. Tariffa Una tariffa è una forma di tassa imposta su beni o servizi importati. Le tariffe sono un elemento comune nel commercio internazionale. Gli obiettivi primari di imporre. In un mercato comune, i paesi consentono anche il libero scambio e la libera circolazione del lavoro e dei capitali tra i membri del gruppo. Questo accordo commerciale è volto a fornire migliori vantaggi economici a tutti i membri del mercato comune.

Mercato comune

L'esempio più famoso di mercato comune è il mercato comune europeo, che mira a fornire la libera circolazione di merci, capitali, servizi e lavoro all'interno dell'Unione economica dell'Unione europea. Un'unione economica è uno dei diversi tipi di blocchi commerciali. Si riferisce a un accordo tra paesi che consente a prodotti, servizi e lavoratori di attraversare liberamente le frontiere. Il sindacato ha lo scopo di eliminare le barriere commerciali interne tra i paesi membri, con l'obiettivo di avvantaggiare economicamente tutti i paesi membri. .

Condizioni necessarie per essere definite come mercato comune

Per essere definito mercato comune, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  1. Le tariffe, le quote e tutte le barriere relative all'importazione e all'esportazione di beni e servizi tra i membri del mercato comune sono eliminate.
  2. Restrizioni commerciali comuni come le tariffe su altri paesi sono adottate da tutti i membri del mercato comune.
  3. I fattori di produzione come il lavoro e il capitale possono circolare liberamente senza restrizioni tra i paesi membri.

Se una delle condizioni non è soddisfatta, il mercato risultante non è un mercato comune. Ad esempio, se i fattori di produzione come il lavoro e il capitale non sono in grado di circolare liberamente senza restrizioni tra i paesi membri, l'accordo verrebbe invece definito come un'unione doganale Unione doganale Un'unione doganale è un accordo tra due o più paesi vicini per rimuovere barriere commerciali, ridurre o abolire i dazi doganali ed eliminare le quote. Tali unioni sono state definite dall'Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT) e rappresentano la terza fase dell'integrazione economica. .

Vantaggi di un mercato comune

1. Libera circolazione di persone, beni, servizi e capitali

Oltre all'eliminazione delle tariffe tra i paesi membri, i principali vantaggi di un mercato comune includono la libera circolazione di persone, beni, servizi e capitali. Pertanto, un mercato comune è spesso considerato un "mercato unico" in quanto consente la libera circolazione dei fattori di produzione senza l'ostruzione creata dai confini nazionali.

2. Efficienza nella produzione

Per un'economia, un mercato comune facilita l'efficienza tra i membri: i fattori di produzione vengono allocati in modo più efficiente, determinando una crescita economica più forte. Man mano che il mercato diventa più efficiente, le aziende inefficienti alla fine chiudono a causa di una concorrenza più agguerrita.

Le aziende che rimangono tipicamente beneficiano delle economie di scala Economie di scala Le economie di scala si riferiscono al vantaggio di costo sperimentato da un'impresa quando aumenta il suo livello di produzione Il vantaggio deriva dalla relazione inversa tra il costo fisso per unità e la quantità prodotta . Maggiore è la quantità di output prodotta, minore è il costo fisso unitario. Tipi, esempi, guida e aumento della redditività e innovazione di più per competere in un panorama più intensamente competitivo.

Costi di un mercato comune

1. I paesi meno competitivi possono soffrire

La transizione verso un mercato comune presenta alcuni inconvenienti. Per prima cosa, le aziende che sono state precedentemente protette e sovvenzionate dal governo potrebbero avere difficoltà a rimanere a galla in un panorama più competitivo. La migrazione dei fattori di produzione verso altri paesi può ostacolare la crescita economica del paese da cui lasciano e portare a un aumento della disoccupazione in tale paese.

2. Deviazione commerciale

La deviazione degli scambi si verifica quando i non membri efficienti vengono esclusi dal mercato comune. Inoltre, un paese può mostrare salari depressi se deve affrontare un afflusso di migrazione di fattori di produzione in cui l'offerta supera la domanda.

Esempio del mondo reale

Nel luglio 2010, il presidente keniota Mwai Kibaki ha costituito il mercato comune dell'Africa orientale per accelerare la crescita economica e lo sviluppo nella regione. La creazione di un mercato comune in Africa orientale è stata un'espansione di un'unione doganale esistente, creata nel 2005 e composta da sei paesi dell'Africa orientale: Burundi, Kenya, Ruanda, Sud Sudan, Tanzania e Uganda.

L'EACM è stato istituito per fornire le "quattro libertà", con l'obiettivo di rilanciare l'economia della regione e aumentare la produttività. Le quattro libertà sono:

  1. La libera circolazione delle merci
  2. La libera circolazione dei lavoratori
  3. La libera circolazione dei servizi
  4. La libera circolazione dei capitali

A seguito della creazione dell'EACM nel 2010, nel 2013 è stato firmato un protocollo che specifica il piano di ulteriore integrazione dei paesi membri mediante un'unione monetaria. Recentemente, nel 2018, è stata costituita una commissione per iniziare la stesura di una costituzione regionale.

Più risorse

Finance offre la certificazione FMVA® Financial Modeling & Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari per coloro che desiderano portare la propria carriera a un livello superiore. Per continuare ad apprendere e far progredire la tua carriera, saranno utili le seguenti risorse finanziarie:

  • Accordo bilaterale Accordo bilaterale Un accordo bilaterale, chiamato anche clearing trade o side deal, si riferisce a un accordo tra parti o stati che mira a mantenere i deficit commerciali a un
  • Unione economica Unione economica Un'unione economica è uno dei diversi tipi di blocchi commerciali. Si riferisce a un accordo tra paesi che consente a prodotti, servizi e lavoratori di attraversare liberamente le frontiere. Il sindacato ha lo scopo di eliminare le barriere commerciali interne tra i paesi membri, con l'obiettivo di avvantaggiare economicamente tutti i paesi membri.
  • Area di libero scambio Area di libero scambio Un'area di libero scambio (FTA) si riferisce a una regione specifica in cui un gruppo di paesi all'interno di detta regione firma un accordo che sigilla la cooperazione economica tra di loro. Gli obiettivi principali dell'ALS sono abbattere gli ostacoli al commercio, in particolare le tariffe e le quote di importazione, e incoraggiare il libero scambio di merci
  • Accordi commerciali regionali Accordi commerciali regionali Gli accordi commerciali regionali si riferiscono a un trattato firmato da due o più paesi per incoraggiare la libera circolazione di beni e servizi attraverso i confini dei suoi membri. L'accordo prevede regole interne che i paesi membri seguono tra loro.

Raccomandato

Cosa sono le spese autonome?
Cos'è Fannie Mae?
Quali sono i Global Investment Performance Standards (GIPS)?