Che cos'è un tasso di interesse variabile?

Un tasso di interesse variabile si riferisce a un tasso di interesse variabile che cambia durante la durata dell'obbligazione di debito. È l'opposto di un tasso di interesse fisso, in cui il tasso di interesse rimane costante per tutta la durata del debito. Prestiti, come ipoteche residenziali, titoli garantiti da ipoteca (MBS) Un titolo garantito da ipoteche (MBS) è un titolo di debito garantito da un mutuo o da una raccolta di mutui. Un MBS è un titolo garantito da attività che viene negoziato sul mercato secondario e che consente agli investitori di trarre profitto dall'attività ipotecaria può essere acquisito sia a tassi di interesse fissi che a tassi di interesse variabili che periodicamente si adattano alle condizioni di mercato dei tassi di interesse.

Tasso di interesse variabile

Abbattimento del tasso di interesse variabile

La variazione del tasso di interesse con un finanziamento a tasso variabile è tipicamente basata su un tasso di riferimento, o “benchmark”, al di fuori di ogni controllo delle parti coinvolte nel contratto. Il tasso di riferimento è solitamente un tasso di interesse di riferimento riconosciuto, come il prime rate Prime Rate Il termine "prime rate" (noto anche come tasso di prestito primario o tasso di interesse primario) si riferisce al tasso di interesse che le grandi banche commerciali applicano sui prestiti e prodotti detenuti dai loro clienti con la più alta solvibilità. , che è il tasso più basso che le banche commerciali addebitano ai propri clienti con maggiore merito di credito per i prestiti (in genere, grandi società o individui con un patrimonio netto elevato).

Il debito a tasso di interesse variabile spesso costa meno del debito a tasso fisso, a seconda della curva dei rendimenti. In compenso per minori costi a tasso fisso, i mutuatari devono sostenere un rischio di tasso di interesse più elevato. Il rischio di tasso di interesse, per le obbligazioni, si riferisce al rischio di un aumento dei tassi in futuro. Quando la curva dei rendimenti è invertita, allora il costo del debito Costo del debito Il costo del debito è il rendimento che un'azienda fornisce ai suoi debitori e creditori. Il costo del debito viene utilizzato nei calcoli WACC per l'analisi di valutazione. con tassi di interesse variabili può effettivamente essere superiore al debito a tasso fisso. Tuttavia, una curva dei rendimenti invertita è l'eccezione piuttosto che la norma.

È più probabile che i tassi variabili siano prestiti meno costosi nel caso di un prestito a lungo termine, come un mutuo a 30 anni, perché i finanziatori richiedono tassi fissi più elevati per i prestiti a lungo termine, a causa dell'incapacità di prevedere con precisione le condizioni economiche un periodo di tempo così lungo. Si presume che i tassi di interesse aumenteranno - o aumenteranno - nel tempo,

A volte, viene offerto un tasso di interesse variabile con altre caratteristiche speciali, come limiti sul tasso di interesse massimo che può essere addebitato o limiti sull'importo massimo di cui il tasso di interesse può essere aumentato da un periodo di aggiustamento al successivo. Queste caratteristiche si trovano principalmente nei prestiti ipotecari. Tali clausole qualificanti nel contratto di prestito mirano principalmente a proteggere il mutuatario dal tasso di interesse che aumenta improvvisamente a un livello proibitivo che potrebbe causare il default del mutuatario.

Grafico del tasso di interesse fluttuante: tassi variabili TED, LIBOR, T-billFonte: wikimedia.org

Usi del tasso di interesse variabile

Ci sono molti usi per un tasso di interesse variabile. Alcuni degli esempi più comuni sono:

  • I tassi di interesse variabili sono utilizzati più comunemente nei prestiti ipotecari. Un tasso di riferimento Tasso di interesse annuale effettivo Il tasso di interesse annuale effettivo (EAR) è il tasso di interesse che viene corretto per la capitalizzazione in un determinato periodo. In poche parole, viene seguito l'effettivo o l'indice, con il tasso variabile calcolato come, ad esempio, "il tasso principale più 1%".
  • Le società di carte di credito possono anche offrire tassi di interesse variabili. Anche in questo caso, il tasso di interesse variabile applicato dalla banca è solitamente il prime rate più un certo spread.
  • I prestiti a tasso variabile sono comuni nel settore bancario per i grandi clienti aziendali. Il tasso totale pagato dal cliente viene deciso aggiungendo (o, in rari casi, sottraendo) uno spread o un margine a un tasso di base specificato.

Tasso di riferimento

Le variazioni del tasso di interesse variabile si basano su un tasso di riferimento. Due dei tassi di riferimento più comuni utilizzati con i prestiti a tasso variabile sono il prime rate negli Stati Uniti e, in Europa, il London Interbank Offered Rate (LIBOR). Il tasso variabile sarà uguale al tasso base più uno spread o margine.

Ad esempio, l'interesse su un debito può essere valutato al LIBOR a sei mesi + 2%. Ciò significa semplicemente che, alla fine di ogni semestre, il tasso per il periodo successivo sarà deciso sulla base del LIBOR a quel punto, più lo spread del 2%. I tassi di interesse variabili possono essere adeguati trimestralmente, semestralmente o annualmente.

Vantaggi del tasso di interesse variabile

I seguenti sono i vantaggi di un tasso di interesse variabile:

  • In generale, i tassi di interesse variabili sono inferiori rispetto a quelli fissi, contribuendo quindi a ridurre il costo complessivo del prestito per il debitore.
  • C'è sempre una possibilità di guadagni inaspettati. Con un rischio più elevato arriva anche la prospettiva di guadagni futuri. Il mutuatario beneficerà di un vantaggio se i tassi di interesse diminuiranno, poiché il tasso variabile sul prestito diminuirà. Il prestatore godrà di un profitto aggiuntivo se i tassi di interesse aumentano, perché può quindi aumentare il tasso variabile addebitato al mutuatario.

Svantaggi

Di seguito i potenziali svantaggi di un prestito a tasso variabile:

  • Il tasso di interesse dipende in gran parte dalle situazioni di mercato che possono rivelarsi dinamiche e imprevedibili. Pertanto, il tasso di interesse può aumentare al punto che il prestito può diventare difficile da rimborsare.
  • L'imprevedibilità delle variazioni dei tassi di interesse rende più difficile il budget per il mutuatario. Inoltre rende più difficile per il prestatore prevedere con precisione i flussi di cassa futuri.
  • In tempi di condizioni di mercato sfavorevoli, le istituzioni finanziarie cercano di andare sul sicuro caricando l'onere sui clienti. Addebiteranno premi elevati rispetto al tasso di riferimento, influenzando in ultima analisi le tasche dei mutuatari.

Sommario

I tassi di interesse sono alcune delle componenti più influenti nell'economia. Aiutano a plasmare le decisioni quotidiane di individui e aziende, come determinare se è un buon momento per acquistare una casa, chiedere un prestito o mettere i soldi in risparmio. Il livello dei tassi di interesse è inversamente proporzionale al livello di indebitamento, che a sua volta influisce sull'espansione economica. I tassi di interesse influenzano i prezzi delle azioni, i mercati obbligazionari e il commercio di derivati.

Risorse correlate

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Global Modeling & Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per aiutare chiunque a diventare un analista finanziario di livello mondiale . Per continuare a far avanzare la tua carriera, le risorse finanziarie aggiuntive di seguito saranno utili:

  • Programma del debito Programma del debito Un programma del debito definisce tutto il debito che un'azienda ha in un programma basato sulla sua scadenza e sul tasso di interesse. Nella modellazione finanziaria, flussi di interessi passivi
  • Costo del debito Costo del debito Il costo del debito è il rendimento che un'azienda fornisce ai suoi debitori e creditori. Il costo del debito viene utilizzato nei calcoli WACC per l'analisi di valutazione.
  • Interessi da pagare Interessi da pagare L'interesse da pagare è un conto delle passività mostrato nel bilancio di una società che rappresenta l'ammontare degli interessi passivi maturati fino ad oggi ma che non sono stati pagati alla data del bilancio. Rappresenta l'ammontare degli interessi attualmente dovuti ai finanziatori ed è tipicamente una passività corrente
  • Trading a reddito fisso e investimenti Le guide al trading e agli investimenti di Finance sono progettate come risorse di autoapprendimento per imparare a fare trading al proprio ritmo. Sfoglia centinaia di articoli su trading, investimenti e argomenti importanti che gli analisti finanziari devono conoscere. Informazioni su classi di attività, prezzo delle obbligazioni, rischio e rendimento, azioni e mercati azionari, ETF, momentum, dati tecnici

Raccomandato

Cos'è un ciclo aziendale?
Quali sono i tratti di leadership?
Cos'è la formula del flusso di cassa libero (FCF)?