Cos'è la coercizione?

La coercizione si riferisce all'atto di usare minacce o pressioni psicologiche per costringere qualcuno a comportarsi in un modo contrario ai suoi desideri. Nel diritto contrattuale, la coercizione viene utilizzata come forma di difesa di un crimine in cui l'imputato utilizza minacce per costringere l'attore a commettere un crimine contro la sua volontà. Una parte che è costretta a compiere un atto o un contratto sotto costrizione può rescindere il contratto, rendendolo nullo.

Coercizione

In una difesa contro la coercizione, il partito ammette di aver commesso un atto, ma controvoglia. Anche se l'atto era illegale, l'atto è stato compiuto sotto estrema pressione o minaccia di causare danni fisici o addirittura la morte. Una parte non è ritenuta colpevole di aver commesso un atto illegale se era convinta che avrebbe subito danni fisici se non avesse partecipato all'atto. Il ruolo del governo è quindi quello di dimostrare che l'imputato ha minacciato di arrecare danno al querelante se quest'ultimo non avesse stipulato il contratto Contratto di vendita e acquisto Il Contratto di vendita e acquisto (SPA) rappresenta il risultato di importanti trattative commerciali e sui prezzi. In sostanza, stabilisce gli elementi concordati dell'accordo, include una serie di importanti tutele per tutte le parti coinvolte e fornisce il quadro giuridico per completare la vendita di una proprietà. .

Requisiti di coercizione

I requisiti riguardanti l'uso della coercizione come difesa in un tribunale variano da stato a stato. Di seguito i requisiti generali che devono essere presenti:

  • La parte è in immediata minaccia di gravi lesioni personali o morte. La minaccia fatta alla vittima deve essere costante. Ad esempio, puntare una pistola alla testa di qualcuno è considerata una minaccia qualificata.
  • La parte ritiene che l'autore dell'atto eseguirà la minaccia. La paura della minaccia è giustificabile se una persona ragionevole sperimenterebbe probabilmente lo stesso livello di paura di fronte alla stessa minaccia.
  • Non c'è possibilità di fuggire in sicurezza, se non commettendo l'atto illegale. Se il tribunale è convinto che l'attore ha avuto l'opportunità di fuggire illeso senza aver commesso l'atto illegale, la coercizione non può essere utilizzata come difesa per aver commesso un atto illegale.

Coercizione contro Necessità

La difesa della necessità implica il commettere un atto illegale al fine di prevenire la minaccia di danno a un'altra persona. Sia la difesa della necessità che la difesa della coercizione possono essere utilizzate in tribunale per dimostrare che non c'era altra alternativa che commettere l'atto illegale. Tuttavia, i due termini differiscono in quanto la costrizione è causata dalle azioni di un'altra parte, mentre la necessità è una scelta tra due mali.

Ad esempio, la coercizione è quando un contabile Ragioniere Un contabile svolge un ruolo molto cruciale in un'organizzazione, indipendentemente dal fatto che si tratti di una multinazionale o di una piccola azienda domestica. L'afflusso e il deflusso del denaro della società sono strettamente monitorati dal commercialista, il quale inoltre si assicura che tutte le transazioni finanziarie siano legali, corrette è costretto a firmare un documento che autorizza il trasferimento di fondi ad un'altra persona con una pistola puntata alla testa. Se il contabile rifiuta di firmare il documento, deve affrontare una minaccia immediata di lesioni personali o addirittura di morte. Il ragioniere può firmare il documento e successivamente rescindere il contratto utilizzando la coercizione come difesa in tribunale.

Un esempio di difesa della necessità è quando un'infermiera che lavora di notte è costretta a fare irruzione in una farmacia per ottenere un farmaco salvavita per un paziente che è sull'orlo della morte. Se l'infermiera viene successivamente arrestata e accusata di effrazione e furto di medicinali, può utilizzare la difesa necessaria per dimostrare che il danno causato è inferiore a quello che si sarebbe verificato se non avesse commesso un atto illegale.

Categorie di coercizione nel diritto dei contratti

Le seguenti sono le due principali categorie di coercizione:

1. Costrizione fisica

La costrizione fisica può essere diretta a una persona o ai beni. Quando una persona desidera rescindere un contratto stipulato in precedenza sulla base del fatto che è stato stipulato sotto coercizione, deve dimostrare che l'altra parte ha minacciato di nuocere e che la minaccia è stata la ragione per cui ha stipulato il contratto. L'onere della prova si sposta quindi sull'altra parte, che deve dimostrare al tribunale che eventuali minacce fatte alla persona non l'hanno costretta a stipulare il contratto.

La costrizione fisica è stata dimostrata in Barton vs Armstrong (1976), dove Armstrong ha minacciato di uccidere Barton se non avesse firmato un contratto per la vendita di alcune società. Il consiglio privato ha accettato la difesa di costrizione e ha accettato di rescindere il contratto stipulato sotto la minaccia di uccidere l'attore.

La coercizione nei confronti dei beni si verifica quando una parte trattiene i beni di un'altra fino a quando la parte non stipula un contratto illegale. Questo non lascia al partito altra alternativa che cedere alla coercizione. Ciò è stato dimostrato in Hawker Pacific Ltd vs Helicopter Charter Pty Ltd (1991) quando Hawker Pacific ha rifiutato un elicottero appartenente a Helicopter Charter fino a quando quest'ultimo non ha effettuato ulteriori pagamenti per la riparazione di un lavoro di verniciatura fallito. La corte ha annullato il contratto sulla base del fatto che era stato stipulato sotto costrizione.

2. Coercizione economica

La costrizione economica si verifica quando una parte utilizza una pressione economica illegale per costringere un'altra parte a stipulare un contratto che altrimenti non sarebbe d'accordo. Può anche verificarsi quando una parte minaccia di annullare un contratto esistente a meno che l'altra parte non accetti di stipulare un altro contratto. Il giudice può annullare il contratto se l'attore può dimostrare di non avere altra scelta che quella di stipulare il contratto.

Devono essere dimostrati i seguenti elementi di costrizione economica:

  • Esiste un contratto esistente tra le due parti coinvolte
  • Una delle parti minaccia di risolvere il contratto esistente
  • L'altra parte accetta di stipulare il nuovo contratto con la costrizione che l'altra parte annullerà o rifiuterà di rispettare i termini di un contratto esistente

Più risorse

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Financial Modeling and Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale.

Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua conoscenza dell'analisi finanziaria, consigliamo vivamente le risorse finanziarie aggiuntive riportate di seguito:

  • Indennizzo Indennizzo L'indennizzo è un accordo legale stipulato da una parte per ritenere un'altra parte irreprensibile - non responsabile - per potenziali perdite o danni.
  • Probate Probate Probate è il processo legale e finanziario che si verifica dopo la morte di un individuo e si occupa specificamente della volontà, della proprietà e
  • Porto sicuro Porto sicuro Un porto sicuro è una disposizione di legge o regolamento che offre protezione da responsabilità o sanzioni o riduce la responsabilità se vengono soddisfatte determinate condizioni.
  • Surrogazione Surrogazione La surrogazione si riferisce alla pratica di sostituire una parte con un'altra in un contesto legale. In sostanza, la surrogazione fornisce un diritto legale a un terzo

Raccomandato

Calcolatore di inflazione
Che cos'è il reddito netto al netto delle imposte (NIAT)?
Cos'è il profitto contro il contante?