Cosa sono i prestiti a tasso variabile?

Un prestito a tasso variabile è un tipo di prestito in cui l'interesse cambia in base alle variazioni dei tassi di interesse di mercato. A differenza di un prestito a tasso fisso, in cui i mutuatari pagano un tasso di interesse costante, un prestito a tasso variabile comprende pagamenti mensili variabili che cambiano in base alle variazioni del tasso di interesse di mercato.

Prestiti a tasso variabile

Di solito, gli istituti di credito seguono un indice finanziario come il tasso sui prestiti federali o il LIBOR LIBOR LIBOR del London Interbank Offered Rate (LIBOR), che è un acronimo di London Interbank Offer Rate, si riferisce al tasso di interesse che le banche del Regno Unito addebitano ad altre istituzioni finanziarie per uno short prestito a termine con scadenza da un giorno a 12 mesi futuri. Il LIBOR funge da base di riferimento per i tassi di interesse a breve termine. Se l'indice specifico cambia, il prestatore adatta il suo tasso di interesse in modo che corrisponda all'indice. Tuttavia, le variazioni del tasso di interesse addebitato al cliente non sono drastiche, ma si verificano periodicamente secondo l'accordo del prestatore.

Riepilogo rapido

  • Un prestito a tasso variabile è un tipo di prestito in cui il tasso di interesse cambia al variare dei tassi di interesse di mercato.
  • Il tasso di interesse variabile è ancorato a un tasso di riferimento o di riferimento come il tasso del fondo federale o il LIBOR (London Interbank Offered Rate) più un margine / spread determinato dal prestatore.
  • Esempi di prestiti a tasso variabile includono il tasso ipotecario variabile e le carte di credito a tasso variabile.

Come funzionano i prestiti a tasso variabile

Il prestito a tasso variabile è ancorato a uno specifico tasso di riferimento o indice di riferimento come il London Interbank Offered Rate (LIBOR). Il LIBOR è il tasso di interesse al quale le banche prendono a prestito le une dalle altre. Il tasso si ottiene esaminando le banche e ottenendo informazioni sui tassi di interesse che pagano quando prendono in prestito da istituzioni simili.

Un'alternativa al LIBOR è il prime rate Prime Rate Il termine "prime rate" (noto anche come prime lending rate o prime interest rate) si riferisce al tasso di interesse che le grandi banche commerciali applicano sui prestiti e sui prodotti detenuti dai loro clienti con il più alto rating del credito. in un paese. Il tasso primario viene utilizzato come tasso di riferimento per prestiti auto, mutui e carte di credito. Il tasso è legato al tasso sui fondi della Federal Reserve, che è il tasso di interesse applicato per i prestiti overnight per soddisfare i requisiti di finanziamento di riserva. Il tasso sui fondi federali Tasso sui fondi federali Negli Stati Uniti, il tasso sui fondi federali si riferisce al tasso di interesse che gli istituti di deposito (come banche e unioni di credito) addebitano ad altri istituti di deposito per il prestito notturno di capitale dai loro saldi di riserva, su base non garantita .è regolato direttamente dalle politiche della Federal Reserve.

Il LIBOR e il prime rate di un paese sono usati come punto di partenza per i prestatori commerciali quando fissano i loro tassi di interesse. Di solito, i prestatori addebitano ai consumatori uno spread o un margine sul tasso di riferimento selezionato per generare un profitto. Il margine addebitato al consumatore dipenderà da vari fattori come la durata del prestito, il tipo di attività e il livello di rischio del consumatore (punteggio di credito e rating di credito).

Il benchmark più il margine / spread del prestatore si sommano per produrre il tasso di interesse effettivo addebitato al consumatore. Ad esempio, un prestito automobilistico può avere un prezzo LIBOR a 6 mesi + 3%. Significa che il prestito utilizzerà il LIBOR come tasso di riferimento e cambierà alla fine di ogni semestre. Il 3% è il margine applicato dalla banca al consumatore.

Vantaggi dei prestiti a tasso variabile

Dal punto di vista del mutuatario, un prestito a tasso variabile è vantaggioso perché spesso sono soggetti a tassi di interesse inferiori rispetto ai prestiti a tasso fisso. Molto spesso, il tasso di interesse tende ad essere più basso all'inizio e può adeguarsi nel corso della durata del prestito. Tuttavia, durante i periodi di tassi di interesse costantemente fluttuanti, un prestito a tasso fisso tende ad essere più attraente di un prestito variabile. In questi casi, i prestiti a tasso fisso hanno un tasso di interesse che rimane invariato per tutta la durata del prestito.

Dal punto di vista del prestatore, un prestito a tasso variabile offre un valore maggiore rispetto a un prestito a tasso fisso. I finanziatori possono aggiustare il tasso di interesse verso l'alto per riflettere i cambiamenti di mercato, mentre l'interesse applicato su un interesse a tasso fisso rimane fisso indipendentemente dai cambiamenti nel mercato.

Cos'è un mutuo a tasso variabile?

Un mutuo a tasso variabile è un mutuo per la casa in cui il tasso di interesse viene adeguato periodicamente per riflettere le variazioni del tasso di interesse di riferimento. Gli istituti di credito ipotecario possono offrire un interesse variabile sul mutuo per l'intera durata del prestito o offrire un mutuo a tasso variabile che combina tassi di interesse sia fissi che variabili. Un mutuo a tasso variabile viene adeguato a un tasso superiore al tasso di riferimento o di riferimento.

I mutuatari preferiscono prestiti variabili quando si aspettano che i tassi di interesse scendano in futuro. Possono beneficiare di tassi di interesse più bassi quando i tassi di interesse di mercato diminuiscono. D'altra parte, laddove il contratto di prestito prevede un limite al tasso variabile, i mutuatari sono protetti dall'aumento dei tassi di interesse. Significa che esiste un limite massimo su quanto il mutuatario può essere addebitato indipendentemente dal tasso di interesse di riferimento.

Come è strutturato un mutuo a tasso variabile

Il tasso variabile per un mutuo è strutturato in modo da includere un tasso indicizzato e un margine di tasso variabile. I mutuatari di alta qualità possono beneficiare solo del tasso indicizzato, che è ancorato al tasso primario del prestatore o al LIBOR. Ai mutuatari viene addebitato un tasso di interesse sul mutuo che oscilla con le variazioni dei tassi di mercato.

Il prestito assume due forme. In primo luogo, ai mutuatari può essere addebitato un tasso di interesse variabile per l'intera durata del prestito. Il tasso di interesse, in questo caso, sarà ancorato al tasso indicizzato più uno spread / margine determinato dal prestatore. Oltre al prestito a tasso variabile a pieno termine, il tasso di interesse variabile può far parte di un prestito ibrido.

Un esempio è un mutuo a tasso variabile che combina tassi di interesse fissi e variabili durante la durata del prestito. Il mutuo a tasso variabile 5/1 prevede che i mutuatari paghino un tasso di interesse fisso per i primi cinque anni della durata del prestito e un tasso di interesse variabile che verrebbe azzerato ogni anno in base al tasso indicizzato alla data di ripristino.

Risorse addizionali

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Financial Modeling and Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale.

Per aiutarti a diventare un analista finanziario di livello mondiale e far avanzare la tua carriera al massimo delle tue potenzialità, queste risorse aggiuntive saranno molto utili:

  • Analisi del credito Analisi del credito L'analisi del credito è il processo per determinare la capacità di un'azienda o di una persona di rimborsare i propri debiti. In altre parole, è un processo che determina il rischio di credito o il rischio di insolvenza di un potenziale mutuatario. Incorpora fattori sia qualitativi che quantitativi.
  • Federal Reserve Federal Reserve (The Fed) La Federal Reserve è la banca centrale degli Stati Uniti ed è l'autorità finanziaria dietro la più grande economia di libero mercato del mondo.
  • Tasso di interesse variabile Tasso di interesse variabile Un tasso di interesse variabile si riferisce a un tasso di interesse variabile che cambia nel corso della durata dell'obbligazione debitoria. È l'opposto di un tasso fisso.
  • Prestiti garantiti vs prestiti non garantiti Prestiti garantiti vs prestiti non garantiti Quando si pianifica di prendere un prestito personale, il mutuatario può scegliere tra prestiti garantiti e non garantiti. Quando si prende in prestito denaro da una banca, un'unione di credito o

Raccomandato

Come alfabetizzare in Excel?
Cos'è il valore aggiunto economico?
Cos'è un consiglio di amministrazione?