Cos'è il Value at Risk (VaR)?

Il Value at Risk (VaR) è una metrica finanziaria che stima il rischio di un investimento. Più specificamente, il VaR è una tecnica statistica utilizzata per misurare l'ammontare della perdita potenziale che potrebbe verificarsi in un portafoglio di investimento in un periodo di tempo specificato. Value at Risk fornisce la probabilità di perdere più di un determinato importo in un determinato portafoglio.

Grafico Value at Risk (VAR)

Vantaggi del Value at Risk (VaR)

1. Facile da capire

Value at Risk è un numero singolo che indica l'entità del rischio in un dato portafoglio. Il Value at Risk è misurato in unità di prezzo o in percentuale. Ciò rende l'interpretazione e la comprensione del VaR relativamente semplice.

2. Applicabilità

Il Value at Risk è applicabile a tutti i tipi di attività: obbligazioni Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli a reddito fisso emessi da società e governi per raccogliere capitali. L'emittente dell'obbligazione prende in prestito il capitale dall'obbligazionista e gli effettua pagamenti fissi a un tasso di interesse fisso (o variabile) per un determinato periodo. , azioni, derivati, valute, ecc. Pertanto, il VaR può essere facilmente utilizzato da diverse banche e istituzioni finanziarie per valutare la redditività e il rischio di diversi investimenti e allocare il rischio in base al VaR.

3. Universale

Il valore Value at Risk è ampiamente utilizzato, quindi è uno standard accettato per l'acquisto, la vendita o la raccomandazione di asset.

Limitazioni del Value at Risk

1. Grandi portafogli

Il calcolo del Value at Risk per un portafoglio non richiede solo di calcolare il rischio e il rendimento di ciascun asset, ma anche le correlazioni tra di essi. Pertanto, maggiore è il numero o la diversità delle attività in un portafoglio, più difficile è calcolare il VaR.

2. Differenza nei metodi

Approcci diversi al calcolo del VaR possono portare a risultati diversi per lo stesso portafoglio.

3. Presupposti

Il calcolo del VaR richiede di fare alcune ipotesi e di utilizzarle come input. Se le ipotesi non sono valide, non lo è nemmeno il dato VaR.

Elementi chiave del Value at Risk

  1. Importo specificato di perdita di valore o percentuale
  2. Periodo di tempo durante il quale viene valutato il rischio
  3. Intervallo di fiducia

Esempio di domanda di valutazione del VaR

Se abbiamo un intervallo di confidenza del 95%, qual è la perdita massima che può verificarsi da questo investimento nell'arco di un mese?

Metodi utilizzati per il calcolo del VaR

1. Metodo storico

Il metodo storico è il metodo più semplice per il calcolo del Value at Risk. I dati di mercato degli ultimi 250 giorni vengono utilizzati per calcolare la variazione percentuale per ciascun fattore di rischio ogni giorno. Ogni variazione percentuale viene quindi calcolata con i valori di mercato correnti per presentare 250 scenari per il valore futuro. Per ciascuno degli scenari, il portafoglio viene valutato utilizzando modelli di determinazione del prezzo completi e non lineari. Si presume che il terzo peggior giorno selezionato sia il VaR del 99%.

Formula VaR

Dove:

  • v i è il numero di variabili nel giorno i
  • m è il numero di giorni da cui vengono presi i dati storici

2. Metodo parametrico

Il metodo parametrico è anche noto come metodo della varianza-covarianza. Questo metodo presuppone una distribuzione normale dei rendimenti. Devono essere stimati due fattori: un rendimento atteso e una deviazione standard. Questo metodo è più adatto ai problemi di misurazione del rischio in cui le distribuzioni sono note e stimate in modo affidabile. Il metodo non è affidabile quando la dimensione del campione è molto piccola.

Sia la perdita "l" per un portafoglio "p" con "n" numero di strumenti.

VaR - Metodo parametrico

3. Metodo Monte Carlo

Con il metodo Monte Carlo, il Value at Risk viene calcolato creando casualmente una serie di scenari per i tassi futuri utilizzando modelli di pricing non lineari per stimare la variazione di valore per ogni scenario e quindi calcolando il VaR in base alle peggiori perdite. Questo metodo è adatto per un'ampia gamma di problemi di misurazione del rischio, soprattutto quando si tratta di fattori complicati. Si presume che esista una distribuzione di probabilità nota per i fattori di rischio.

Valore a rischio marginale (MVaR)

Il metodo del valore a rischio marginale (MVaR) è la quantità di rischio aggiuntivo che viene aggiunto da un nuovo investimento nel portafoglio. MVaR aiuta i gestori di fondi a comprendere il cambiamento in un portafoglio dovuto alla sottrazione o aggiunta di un particolare investimento. Un investimento può avere individualmente un valore a rischio elevato, ma se è correlato negativamente con il portafoglio, può contribuire a un importo di rischio relativamente molto inferiore al portafoglio rispetto al suo rischio autonomo.

Valore a rischio incrementale

Il VaR incrementale è la quantità di incertezza aggiunta o sottratta a un portafoglio a causa dell'acquisto o della vendita di un investimento. Il VaR incrementale viene calcolato prendendo in considerazione la deviazione standard e il tasso di rendimento del portafoglio, il tasso di rendimento e la quota di portafoglio del singolo investimento. (La quota di portafoglio si riferisce alla percentuale di portafoglio rappresentata dal singolo investimento.)

Valore a rischio condizionale (CVaR)

Questo è anche noto come deficit atteso, valore medio a rischio, VaR di coda, perdita media in eccesso o deficit medio. CVaR è un'estensione del VaR. CVaR aiuta a calcolare la media delle perdite che si verificano oltre il punto Value at Risk in una distribuzione. Più piccolo è il CVaR, meglio è.

Letture correlate

Ci auguriamo che ti sia piaciuto leggere la guida di Finance al Value at Risk. Finance è un fornitore globale di formazione per analisti finanziari e avanzamento di carriera per professionisti della finanza. Per saperne di più ed espandere la tua carriera, esplora le risorse pertinenti aggiuntive di seguito:

  • Premio per il rischio azionario Premio per il rischio azionario Il premio per il rischio azionario è la differenza tra i rendimenti delle azioni / azioni individuali e il tasso di rendimento privo di rischio. È il compenso per l'investitore per l'assunzione di un livello di rischio più elevato e l'investimento in azioni anziché in titoli privi di rischio.
  • Trading a reddito fisso Trading a reddito fisso Il trading a reddito fisso implica l'investimento in obbligazioni o altri strumenti di titoli di debito. I titoli a reddito fisso hanno diversi attributi e fattori unici che
  • Avversario al rischio Definizione avverso al rischio Qualcuno che è avverso al rischio ha la caratteristica o il tratto di preferire evitare la perdita rispetto al guadagno. Questa caratteristica è solitamente attribuita agli investitori o ai partecipanti al mercato che preferiscono investimenti con rendimenti inferiori e rischi relativamente noti rispetto a investimenti con rendimenti potenzialmente più elevati ma anche con maggiore incertezza e rischio maggiore.
  • Investire: una guida per principianti Investire: una guida per principianti La guida Finance's Investing for Beginners ti insegnerà le basi dell'investimento e come iniziare. Scopri le diverse strategie e tecniche per il trading e i diversi mercati finanziari in cui puoi investire.

Raccomandato

Qual è il rapporto di intervallo difensivo?
Che cosa sono le vendite per piede quadrato?
Che cos'è il pregiudizio di previsione?