Cos'è l'analisi CVP?

L'analisi costo-volume-profitto (analisi CVP), comunemente nota anche come analisi di pareggio, è un modo per le aziende di determinare in che modo le variazioni dei costi (costi fissi e costi fissi variabili e variabili possono essere classificati in diversi modi a seconda della sua natura. Uno dei metodi più diffusi è la classificazione in base ai costi fissi e ai costi variabili. I costi fissi non cambiano con l'aumento / diminuzione delle unità di volume di produzione, mentre i costi variabili dipendono esclusivamente) e il volume delle vendite influisce su un'azienda profitto . Con queste informazioni, le aziende possono comprendere meglio le prestazioni complessive osservando quante unità devono essere vendute per raggiungere il pareggio o per raggiungere una certa soglia di profitto o il margine di sicurezza.

Screenshot del modello di analisi CVP

Per saperne di più, avvia i nostri corsi di modellazione finanziaria!

Componenti dell'analisi CVP

Ci sono diversi componenti diversi che insieme compongono l'analisi CVP. Questi componenti implicano vari calcoli e rapporti, che verranno suddivisi in maggiore dettaglio in questa guida.

I componenti principali dell'analisi CVP sono:

  1. CM ratio e coefficiente di spesa variabile
  2. Punto di pareggio (in unità o dollari)
  3. Margine di sicurezza
  4. Variazioni dell'utile netto
  5. Grado di leva operativa

Per implementare correttamente l'analisi CVP, dobbiamo prima dare un'occhiata al formato del margine di contribuzione del conto economico.

Configurazione dell'analisi CVP

Il conto economico regolare segue l'ordine dei ricavi meno il costo del venduto e fornisce il margine lordo, mentre i ricavi meno le spese portano all'utile netto. Un conto economico del margine di contribuzione segue un concetto simile ma utilizza un formato diverso separando i costi fissi e variabili Costi fissi e costi variabili Il costo è qualcosa che può essere classificato in diversi modi a seconda della sua natura. Uno dei metodi più diffusi è la classificazione in base ai costi fissi e ai costi variabili. I costi fissi non cambiano con l'aumento / diminuzione delle unità di volume di produzione, mentre i costi variabili sono esclusivamente dipendenti.

Il margine di contribuzione è il prezzo di vendita del prodotto, meno i costi variabili associati alla produzione di quel prodotto. Questo valore può essere fornito in totale o per unità.

Esempio di conto economico del margine di contribuzione (CM):

Considera il seguente esempio per calcolare i cinque componenti importanti sopra elencati.

La società XYZ ha il seguente conto economico del margine di contribuzione:

TotalePer unità
Vendite (20.000 unità)$ 1.200.000$ 60
Meno: costi variabili- $ 900.000- $ 45
Margine di contribuzione$ 300.000$ 15
Meno: costi fissi- $ 240.000
Reddito netto$ 60.000

Rapporto CM n. 1 e rapporto di spesa variabile

I rapporti CM e i rapporti di spesa variabili sono numeri che le aziende generalmente vogliono vedere per avere un'idea di quanto siano significativi i costi variabili.

Rapporto CM = margine di contribuzione / vendite

Rapporto di spesa variabile = Costi variabili totali / Vendite

Un indice CM elevato e un indice di spesa variabile basso indicano bassi livelli di costi variabili sostenuti.

# 2 Punto di pareggio

Il punto di pareggio (BEP), in unità, è il numero di prodotti che l'azienda deve vendere per coprire tutti i costi di produzione. Allo stesso modo, il punto di pareggio in dollari è il numero di vendite che l'azienda deve generare per coprire tutti i costi di produzione.

La formula per il punto di pareggio (BEP) è:

BEP = costi fissi totali / CM per unità

Il BEP, in unità, sarebbe pari a 240.000 / 15 = 16.000 unità. Pertanto, se l'azienda vende 16.000 unità, il profitto sarà pari a zero e l'azienda "raggiungerà il pareggio" coprendo solo i costi di produzione.

# 3 Variazioni dell'utile netto (analisi what-if)

È abbastanza comune per le aziende voler stimare come cambierà il loro reddito netto con i cambiamenti nel comportamento di vendita. Ad esempio, le aziende possono utilizzare obiettivi di rendimento delle vendite o obiettivi di reddito netto per determinare il loro effetto l'uno sull'altro.

In questo esempio, se la direzione vuole ottenere un profitto di almeno $ 100.000, quante unità deve vendere l'azienda?

Possiamo applicare la formula what-if appropriata di seguito:

# di unità = (costi fissi + profitto target) / rapporto CM

Pertanto, per guadagnare almeno $ 100.000 di reddito netto, la società deve vendere almeno 22.666 unità.

Per saperne di più, avvia i nostri corsi di modellazione finanziaria!

# 4 Margine di sicurezza

Inoltre, le aziende potrebbero anche voler calcolare il margine di sicurezza. Questo è comunemente indicato come "margine di manovra" dell'azienda e mostra di quanto le vendite possono diminuire e tuttavia raggiungere il pareggio.

La formula per il margine di sicurezza è:

Margine di sicurezza = Vendite effettive - vendite in pareggio

Il margine di sicurezza in questo esempio è:

Vendite effettive - Vendite in pareggio = $ 1.200.000 - 16.000 * $ 60 = $ 240.000

Questo margine può essere calcolato anche come percentuale rispetto alle vendite effettive: 240.000 / 1.200.000 = 20%.

Pertanto, le vendite possono diminuire di $ 240.000, o del 20%, e la società non sta ancora perdendo denaro.

# 5 Grado di leva operativa (DOL)

Infine, il grado di leva operativa (DOL) può essere calcolato utilizzando la seguente formula:

DOL = CM / Reddito netto

Quindi, il DOL in questo esempio è $ 300.000 / 60.000 = 5.

Il numero DOL è un numero importante perché indica alle aziende come cambia il reddito netto in relazione ai cambiamenti nei numeri di vendita. Più specificamente, il numero 5 significa che una variazione dell'1% nelle vendite causerà una variazione ingrandita del 5% nell'utile netto.

Molti potrebbero pensare che più alto è il DOL, meglio è per le aziende. Tuttavia, maggiore è il numero, maggiore è il rischio, perché un DOL più elevato significa anche che una diminuzione dell'1% delle vendite causerà una diminuzione maggiore e maggiore del reddito netto, riducendo in ultima analisi la sua redditività.

Analisi CVP e processo decisionale

Mettendo insieme tutti i pezzi e conducendo l'analisi CVP, le aziende possono quindi decidere se investire in determinate tecnologie che altereranno le loro strutture di costo e determinare gli effetti sulle vendite e sulla redditività molto più rapidamente.

Ad esempio, supponiamo che la società XYZ dell'esempio precedente stesse considerando di investire in nuove apparecchiature che aumenterebbero i costi variabili di $ 3 per unità ma potrebbero ridurre i costi fissi di $ 30.000. In questo scenario decisionale, le aziende possono facilmente utilizzare i numeri dell'analisi CVP per determinare la risposta migliore.

La parte più difficile in queste situazioni consiste nel determinare come questi cambiamenti influenzeranno i modelli di vendita: le vendite rimarranno relativamente simili, aumenteranno o diminuiranno? Una volta che le stime di vendita diventano in qualche modo ragionevoli, diventa solo una questione di scricchiolio di numeri e di ottimizzazione della redditività dell'azienda.

Scarica il modello gratuito

Inserisci il tuo nome e la tua email nel modulo sottostante e scarica subito il modello gratuito!

Risorse addizionali

Questa è stata una guida completa all'analisi CVP. Per saperne di più, consigliamo vivamente queste risorse finanziarie aggiuntive:

  • Costi variabili e costi fissi Costi fissi e variabili Il costo è qualcosa che può essere classificato in diversi modi a seconda della sua natura. Uno dei metodi più diffusi è la classificazione in base ai costi fissi e ai costi variabili. I costi fissi non cambiano con l'aumento / diminuzione delle unità di volume di produzione, mentre i costi variabili sono esclusivamente dipendenti
  • Analisi del bilancio Analisi del bilancio Come eseguire l'analisi del bilancio. Questa guida ti insegnerà a eseguire l'analisi del rendiconto finanziario del conto economico, dello stato patrimoniale e del rendiconto finanziario, inclusi margini, rapporti, crescita, liquidità, leva finanziaria, tassi di rendimento e redditività.
  • Guida alla carriera FP&A Offerte di lavoro Sfoglia le descrizioni delle offerte di lavoro: requisiti e competenze per gli annunci di lavoro in investment banking, ricerca azionaria, tesoreria, FP&A, finanza aziendale, contabilità e altre aree della finanza. Queste descrizioni del lavoro sono state compilate prendendo gli elenchi più comuni di abilità, requisiti, istruzione, esperienza e altro
  • Domande dell'intervista FP&A Domande dell'intervista FP&A Domande e risposte dell'intervista FP&A. Questo elenco include le domande di intervista più comuni utilizzate per assumere lavori di pianificazione e analisi finanziaria (FP&A) come posizioni di analista e manager. Sulla base di ricerche approfondite e feedback da parte dei professionisti delle aziende, questo elenco contiene le domande più probabili dell'intervista

Raccomandato

Cos'è il debito a lungo termine (LTD)?
Un & ldquo; Dummies & rdquo; Guida a Excel per principianti
Cos'è l'economia normativa?