Che cos'è il margine di contribuzione dopo il marketing (CMAM)?

Il margine di contribuzione dopo la commercializzazione (CMAM) si riferisce alla quantità di denaro generata per ciascuna unità venduta dopo aver dedotto i costi variabili. Costi variabili I costi variabili sono spese che variano in proporzione al volume di beni o servizi che un'azienda produce. In altre parole, sono costi che variano e spese di marketing sostenute da un'azienda. Il margine di contribuzione dopo il marketing è simile al margine di contribuzione, ma l'azienda deve tenere conto dei costi di marketing sostenuti per promuovere il prodotto a potenziali acquirenti con informazioni sui prodotti dell'azienda. CMAM ti dice se le vendite nette sono sufficienti per coprire i costi variabili totali e quanto delle vendite nette è lasciato per coprire le spese fisse.

Margine di contribuzione post marketing (CMAM)

La componente di costo variabile comprende le spese che fluttuano al variare dei livelli di produzione. Esempi di costi variabili includono materie prime, manodopera diretta, inventario Inventario L'inventario è un conto delle attività correnti che si trova nel bilancio, costituito da tutte le materie prime, lavori in corso e prodotti finiti accumulati da un'azienda. È spesso considerato il più illiquido di tutte le attività correnti, quindi è escluso dal numeratore nel calcolo del rapporto rapido. , commissione di vendita e costi di spedizione Spese di trasporto Le spese di trasporto si riferiscono al prezzo addebitato da un vettore per l'invio del carico dall'ubicazione di origine all'ubicazione di destinazione. La spesa è a carico della persona che vuole che la merce venga trasportata da un luogo all'altro. L'importo delle spese di trasporto addebitate dipende dalla modalità di trasporto.I costi fissi, invece, sono costi che rimangono fissi anche quando ci sono cambiamenti nei livelli di produzione. Esempi di costi fissi includono l'affitto, il noleggio di attrezzature, gli stipendi della direzione e la pubblicità.

Spesa di marketing nel margine di contribuzione: è fissa o variabile?

Le spese di marketing sono classificate come costi fissi poiché le aziende assegnano denaro che intendono spendere in un determinato periodo e mireranno a spendere il budget di marketing mensile o annuale. Allo stesso tempo, c'è un elemento di spesa di marketing considerato variabile. Ad esempio, commissione di vendita Commissione Commissione si riferisce al compenso pagato a un dipendente dopo aver completato un'attività, che spesso è la vendita di un certo numero di prodotti o servizi direttamente correlata al volume delle vendite durante un periodo specifico.

A seconda del settore, la spesa fissa di mercato può subire variazioni stagionali in cui un'azienda può allocare più fondi al reparto marketing per trarre vantaggio da un aumento delle entrate o dall'aumento della domanda di prodotti specifici.

Come calcolare il margine di contribuzione dopo il marketing

La formula per calcolare il margine di contribuzione dopo la commercializzazione è la seguente:

CMAM = Fatturato di vendita - Costi variabili - Spese di marketing

Il margine di contribuzione può anche essere calcolato per unità al fine di capire quanto un'unità di un prodotto contribuisce ai profitti complessivi dell'azienda. Il margine di contribuzione per unità è calcolato come segue:

CMAM per unità = Ricavi di vendita per unità - Spese variabili per unità - Spese di marketing per unità

La differenza tra i ricavi di vendita e il costo variabile (e le spese di marketing) è la CMAM, e ciò che resta è la combinazione di costi fissi e profitto. Per ottenere l'utile / perdita netto, utilizziamo la seguente formula:

Utile operativo netto = CMAM - Costi fissi

Quando un'azienda o un reparto è redditizio, registrerà un profitto dopo aver dedotto i costi variabili, le spese di marketing e i costi fissi. Se il valore risultante è negativo, significa che la società ha subito una perdita e non ha abbastanza soldi per coprire le proprie spese.

Margine di contribuzione dopo l'esempio di marketing

ABC Limited produce lampadine a risparmio energetico. I costi variabili di produzione di una lampadina includono $ 1,70 di materie prime, $ 1,50 di manodopera diretta, $ 0,50 di elettricità e $ 0,30 di spedizione. L'azienda sostiene anche $ 3.000 in affitto di attrezzature, $ 4.500 in affitto di fabbrica, $ 20.000 in stipendi di gestione e $ 7.000 in spese di marketing. Il prezzo di vendita per unità è di $ 7,50 e l'azienda ha venduto 20.000 lampadine nell'anno precedente.

Per ottenere il margine di contribuzione dopo la commercializzazione, utilizziamo la seguente formula:

Margine di contribuzione dopo la commercializzazione = Entrate di vendita - Costi variabili - Spese di marketing

Dove:

Ricavi delle vendite = $ 7,50 x 20.000 = $ 150.000

Costi variabili = ($ 1,70 + $ 1,50 + $ 0,50 + $ 0,30) x 20.000

= $ 4 x 20.000 = $ 80.000

Il margine di contribuzione dopo la commercializzazione si ottiene come segue:

= $ 150.000 - $ 80.000 - $ 7.000 = $ 63.000

Per ottenere l'utile o la perdita di esercizio netto, deduciamo i costi fissi dal margine di contribuzione dopo la commercializzazione, come mostrato di seguito:

= $ 63.000 - ($ 3.000 + $ 4.500 + $ 20.000)

= $ 63.000 - $ 27.500 = $ 35.500

Significa che ABC Limited ha registrato un utile operativo netto di $ 35.500 nell'anno finanziario precedente.

Come viene utilizzato CMAM

Il margine di contribuzione dopo il marketing è una metrica utile per il processo decisionale in un'azienda. Di seguito sono riportati gli utilizzi principali della metrica CMAM:

Gestione

La direzione di un'azienda utilizza CMAM come strumento decisionale per decidere quale prodotto continuare a produrre e quale prodotto interrompere. Ad esempio, utilizzando l'esempio precedente, si supponga che la macchina per la produzione di lampadine produca tre diversi tipi di lampadine e la direzione dell'azienda deve prendere una decisione su due tipi di lampadine per continuare la produzione e un tipo di lampadine per interrompere la produzione.

L'azienda può utilizzare il margine di contribuzione per unità di ciascun tipo di lampadina per valutare quali tipi di lampadine offrono la possibilità di ottenere i maggiori profitti. La direzione può decidere di continuare a produrre i primi due prodotti e interrompere la terza tipologia di lampadina meno redditizia. Possono anche utilizzare il risultato ottenuto per prendere decisioni su come allocare le risorse ai due restanti tipi di lampadine.

Investitori

Gli investitori possono utilizzare la CMAM dei prodotti ad alte prestazioni di diverse società potenziali per decidere in quali società investire. Se una società produce un prodotto di punta che mantiene costantemente un CMAM elevato rispetto ai prodotti di altri concorrenti, gli investitori possono utilizzare tali informazioni per guidare decisioni di investimento.

Aziende con prodotti che forniscono un CMAM basso o negativo puntano a un prodotto non redditizio che dovrebbe essere interrotto o migliorato per competere favorevolmente con i prodotti di altri concorrenti.

Risorse addizionali

Finance offre la certificazione FMVA® Financial Modeling & Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari per coloro che desiderano portare la propria carriera a un livello superiore. Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua knowledge base, esplora le risorse pertinenti aggiuntive di seguito:

  • 5 P's of Marketing 5 P's of Marketing Le 5 P's of Marketing - Prodotto, Prezzo, Promozione, Luogo e Persone - sono elementi chiave di marketing utilizzati per posizionare strategicamente un'azienda. Le 5 P di
  • Analisi del bilancio Analisi del bilancio Come eseguire l'analisi del bilancio. Questa guida ti insegnerà a eseguire l'analisi del rendiconto finanziario del conto economico, dello stato patrimoniale e del rendiconto finanziario, inclusi margini, rapporti, crescita, liquidità, leva finanziaria, tassi di rendimento e redditività.
  • Costi fissi e variabili Costi fissi e variabili Il costo è qualcosa che può essere classificato in diversi modi a seconda della sua natura. Uno dei metodi più diffusi è la classificazione in base ai costi fissi e ai costi variabili. I costi fissi non cambiano con l'aumento / diminuzione delle unità di volume di produzione, mentre i costi variabili sono esclusivamente dipendenti
  • Margine del profitto operativo Margine del profitto operativo Il margine del profitto operativo è un rapporto di redditività o rendimento che riflette la percentuale di profitto che un'azienda produce dalle sue operazioni, prima di sottrarre tasse e interessi. Si calcola dividendo l'utile di esercizio per i ricavi totali ed esprimendo in percentuale.

Raccomandato

Cos'è il ciclo di reporting?
Calcolatore del fatturato dell'inventario
Cos'è uno sconto per blocco?