Cos'è il valore estrinseco?

Il valore estrinseco di un'opzione è calcolato prendendo la differenza tra il prezzo di mercato di un'opzione (chiamato anche premio) e il suo prezzo intrinseco - il valore di un contratto di opzione in relazione al sottostante alla scadenza o se esercitato.

Valore estrinseco

In altre parole, è determinato da fattori diversi dal prezzo del titolo sottostante ed è la parte del prezzo di un'opzione che supera il suo valore intrinseco.

Sommario

  • Il valore estrinseco di un'opzione è calcolato prendendo la differenza tra il prezzo di mercato di un'opzione (chiamato anche premio) e il suo prezzo intrinseco - il valore di un contratto di opzione in relazione al sottostante alla scadenza o se esercitato.
  • Un contratto generalmente perde valore quando si avvicina alla data di scadenza perché c'è meno tempo per il titolo sottostante per muoversi a favore del possessore.
  • Se la volatilità in un titolo sottostante aumenta, aumenterà anche il valore estrinseco dell'opzione e viceversa.

Fattori che influenzano il valore estrinseco

1. Durata del contratto

Uno dei principali fattori che influenzano il valore estrinseco è la durata del contratto. Un contratto generalmente perde valore quando si avvicina alla data di scadenza perché c'è meno tempo per il titolo sottostante per muoversi a favore del possessore. Pertanto, è giustificabile da parte del titolare pagare di più in valore estrinseco per le opzioni con scadenza più lunga.

Ad esempio, un'opzione con un mese alla scadenza out of the money avrà un valore estrinseco maggiore di quella di un'opzione out of the money con una settimana alla scadenza.

2. Volatilità implicita

La volatilità implicita (nota anche come vega) misura l'importo che un asset sottostante può spostarsi in un periodo specificato. Quando la volatilità viene aggiunta al valore temporale, si ottiene il valore estrinseco di un'opzione.

Se la volatilità in un titolo sottostante aumenta, aumenterà anche il valore estrinseco dell'opzione e viceversa. Ad esempio, se un investitore acquista un'opzione call Opzione call Un'opzione call, comunemente denominata "call", è una forma di contratto derivato che conferisce all'acquirente dell'opzione call il diritto, ma non l'obbligo, di acquistare un'azione o altro strumento finanziario a un prezzo specifico - il prezzo di esercizio dell'opzione - entro un periodo di tempo specificato. con una volatilità implicita annualizzata del 10% e la volatilità implicita aumenta al 35% il giorno successivo, il valore estrinseco aumenterà.

Valore intrinseco vs valore estrinseco

Nel trading di opzioni, il prezzo intrinseco è il valore che una determinata opzione avrebbe se fosse stata esercitata oggi ed è calcolato prendendo la differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo di esercizio del titolo sottostante.

Un'opzione in-the-money (ITM) ha solo un valore intrinseco. Se il prezzo di mercato alla scadenza è maggiore del prezzo di esercizio, l'opzione call è in-the-money o redditizia e se il prezzo di mercato è inferiore allo strike dell'opzione put, la put è redditizia. Pertanto, se un'opzione è in the money o out of the money, il suo valore intrinseco è zero.

Valore intrinseco (opzioni call) = prezzo sottostante - prezzo di esercizio
Valore intrinseco (opzioni put) = prezzo di esercizio - prezzo sottostante

Diversi fattori come la volatilità implicita, il tasso senza interessi, il decadimento temporale, ecc. Determinano il valore estrinseco dell'opzione. Maggiore è il tempo che un'opzione ha fino alla scadenza, maggiore sarà il suo valore estrinseco. Con l'avvicinarsi della scadenza, il valore estrinseco di un'opzione diminuisce e diventa inutile man mano che scade.

Ad esempio, un contratto di opzione scade tra 60 giorni ed è out-of-the-money; non ha valore intrinseco. Ha un valore estrinseco maggiore rispetto a un'opzione che scade tra 21 giorni, a parità di tutto il resto poiché c'è più tempo, e quindi una maggiore possibilità per l'opzione a 60 giorni di passare da out-of-the-money a in-the -i soldi.

Perché i valori estrinseci per le opzioni call e put sono diversi?

I valori estrinseci delle opzioni call (diritto di acquisto) e put (diritto di vendere) dello stesso prezzo di esercizio Prezzo di esercizio Il prezzo di esercizio è il prezzo al quale il titolare dell'opzione può esercitare l'opzione di acquistare o vendere un titolo sottostante, a seconda che abbiano un'opzione call o un'opzione put. Un'opzione è un contratto con il diritto di esercitare il contratto a un prezzo specifico, noto come prezzo di esercizio. - noto anche come prezzo di esercizio - sono generalmente diversi. Anche se un tasso di interesse più elevato si traduce in un valore estrinseco più elevato per le opzioni call, in realtà si traduce in un valore estrinseco inferiore per le opzioni put.

Allo stesso modo, anche se i dividendi riducono il valore estrinseco delle opzioni call, aumentano il valore estrinseco delle opzioni put Opzione put Un'opzione put è un contratto di opzione che dà all'acquirente il diritto, ma non l'obbligo, di vendere il titolo sottostante a un determinato prezzo (noto anche come prezzo di esercizio) prima o ad una data di scadenza predeterminata. È uno dei due principali tipi di opzioni, l'altro tipo è un'opzione call. per la certezza che il titolo scenderà.

Le opzioni call e put dello stesso titolo di solito hanno valori estrinseci diversi perché un'azione sta andando verso l'alto o verso il basso. Di conseguenza, gli investitori stanno acquistando più opzioni call o opzioni put. In quella situazione, il valore estrinseco di quel tipo di opzioni aumenta a causa dell'aumento degli scambi.

Letture correlate

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione CBCA ™ Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ™ L'accreditamento Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ™ è uno standard globale per gli analisti del credito che copre finanza, contabilità, analisi del credito, analisi del flusso di cassa, modelli di alleanze, rimborsi di prestiti e altro ancora. programma di certificazione, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale.

Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua conoscenza dell'analisi finanziaria, consigliamo vivamente le risorse aggiuntive di seguito:

  • Near-The-Money Near-The-Money Near-the-money significa che il prezzo delle azioni di un contratto di opzione è vicino al suo prezzo di esercizio. Viene utilizzato per descrivere il valore intrinseco di un'opzione.
  • Opzioni: call e put Opzioni: call e put Un'opzione è una forma di contratto derivato che conferisce al titolare il diritto, ma non l'obbligo, di acquistare o vendere un'attività entro una certa data (data di scadenza) a un prezzo specificato (strike prezzo). Esistono due tipi di opzioni: call e put. Le opzioni statunitensi possono essere esercitate in qualsiasi momento
  • Parità put-call Parità put-call La parità put-call è un concetto importante nel prezzo delle opzioni che mostra come i prezzi di put, call e l'asset sottostante devono essere coerenti tra loro. Questa equazione stabilisce una relazione tra il prezzo di una call e un'opzione put che hanno lo stesso asset sottostante.
  • Negoziazione di titoli Negoziazione di titoli La negoziazione di titoli sono titoli che sono stati acquistati da una società allo scopo di realizzare un profitto a breve termine. Una società può scegliere di speculare su vari titoli di debito o azionari se identifica un titolo sottovalutato e desidera sfruttare l'opportunità.

Raccomandato

Cos'è il London International Financial Futures and Options Exchange (LIFFE)?
Cos'è il denaro ristretto?
Cos'è lo sconto sul volume?