Cosa sono le economie di scala esterne?

Le economie di scala esterne si riferiscono a fattori che sono al di fuori del controllo di una singola impresa, ma si verificano all'interno del settore e portano a un tale vantaggio in termini di costi. Ad esempio, se il governo impone tariffe più elevate, la tariffa Una tariffa è una forma di tassa imposta su beni o servizi importati. Le tariffe sono un elemento comune nel commercio internazionale. Gli obiettivi primari di imporre l'importazione di un certo bene, quindi, è vantaggioso per tutte le imprese nazionali che producono quel bene poiché riduce la loro concorrenza.

Economie di scala esterne

Man mano che le aziende aumentano i loro livelli di produzione, il loro costo medio (AC) di produzione diminuisce. I vantaggi in termini di costi derivanti da livelli di produzione più elevati sono noti come economie di scala.

Sommario

  • Le economie di scala esterne si riferiscono a fattori che sono al di fuori del controllo di una singola impresa, ma si verificano all'interno del settore e portano a un vantaggio in termini di costi.
  • La prospettiva di economie di scala esterne spesso induce le imprese dello stesso settore a raggrupparsi.
  • Le economie di scala esterne e le industrie a grappolo spesso portano alla formazione di economie di agglomerazione. È una situazione in cui aziende reciprocamente vantaggiose di diversi settori sono installate vicine l'una all'altra.

Economie di scala interne ed esterne

Le economie di scala interne sono diverse da quelle esterne poiché le prime includono fattori che sono unici per una singola impresa. Se una particolare azienda formula una tecnica di produzione che consente di risparmiare tempo e costi, il vantaggio è interno all'azienda e non avrà alcun impatto su altre aziende del settore.

La prospettiva di economie di scala esterne spesso induce le imprese dello stesso settore a raggrupparsi. Quando un'azienda è ben stabilita in una particolare regione, può accedere a una rete di trasporto sviluppata, connessioni con i fornitori Disintermediazione La disintermediazione è la rimozione di diversi elementi all'interno di una catena di approvvigionamento. Gli intermediari nello sviluppo del prodotto - o, e una forza lavoro pronta. Le nuove aziende emergenti all'interno del settore vorrebbero sfruttare l'infrastruttura esistente e stabilirsi vicino all'azienda più vecchia.

Le economie di scala esterne e le industrie a grappolo spesso portano alla formazione di economie di agglomerazione. È una situazione in cui aziende reciprocamente vantaggiose di diversi settori sono installate vicine l'una all'altra.

In una tale configurazione, tutte le aziende possono godere di economie di scala esterne in tutti i settori. Ad esempio, le industrie di trasformazione alimentare si trovano spesso vicino ai campi agricoli in modo che entrambe le industrie possano ridurre i costi di trasporto.

Fonti di economie di scala esterne

Le economie di scala esterne derivano da uno o più dei seguenti fattori:

1. Economie di concentrazione

Quando le aziende all'interno dello stesso settore si raggruppano insieme, possono trarre vantaggio dall'infrastruttura e dalle reti di fornitura esistenti. Inoltre, lavoratori qualificati Mercato del lavoro Il mercato del lavoro è il luogo in cui l'offerta e la domanda di lavoro si incontrano, con i lavoratori o la manodopera che forniscono i servizi richiesti dai datori di lavoro. Il lavoratore può essere chiunque desideri offrire i suoi servizi a titolo oneroso, mentre il datore di lavoro può essere una singola entità o un'organizzazione tende a spostarsi vicino a tali gruppi di lavoro, dando così alle aziende una facile disponibilità al lavoro.

2. Economie dell'informazione

Quando più aziende sono vicine l'una all'altra, possono accedere a informazioni perfette sui prezzi degli input. Poiché tutte le aziende acquistano input dagli stessi fornitori, questi ultimi non possono applicare prezzi diversi da aziende diverse. L'eliminazione dei prezzi discriminatori garantisce che nessuna impresa paghi un importo maggiore per i fattori produttivi e riduce il costo medio complessivo.

3. Economie di innovazione

Molte aziende preferiscono stabilire le proprie sedi vicino a centri impegnati nella ricerca e nello sviluppo di metodi di produzione efficienti. Le aziende possono quindi adattarsi rapidamente a tutte le innovazioni sviluppate da questi centri al fine di ottenere una maggiore efficienza nella produzione e, quindi, abbassare i costi.

4. Agevolazioni fiscali

Quando il governo di un paese offre agevolazioni fiscali sulla produzione di un determinato prodotto o sussidi sull'acquisto di determinate materie prime, riduce il costo di produzione di tutte le imprese di quel particolare settore. È un'altra fonte di economie di scala esterne.

Considera una nuova azienda, X, che affronta la possibilità di creare locali in isolamento o in un cluster. Il suo costo di produzione include i seguenti componenti: materie prime, manodopera, macchinari e trasporto.

Il costo di ciascuno degli input è inferiore nella regione del cluster poiché le strutture per lo stesso sono già disponibili lì. Per produrre 1.000 unità, la ripartizione dei costi è la seguente (tutte le cifre sono denominate in dollari):

Economie di scala esterne - Tabella campione

L'impresa X può ridurre il suo costo medio di produzione di $ 11 se stabilisce i suoi locali vicino al cluster.

Vantaggi e svantaggi delle economie di scala esterne

Le economie di scala esterne vengono talvolta definite esternalità positive perché forniscono i seguenti vantaggi alle imprese:

1. Equi vantaggi

Tutte le aziende di un particolare settore hanno pari accesso ai vantaggi delle economie di scala esterne.

2. Crescita delle industrie di supporto

Le economie di scala esterne aumentano i livelli di produzione di tutte le aziende in un particolare settore e, di conseguenza, incoraggiano la crescita delle industrie di supporto, ovvero le industrie che forniscono materie prime, attrezzature e servizi di trasporto.

Tuttavia, ci sono alcuni inconvenienti delle economie di scala esterne, che sono i seguenti:

1. Oltre il controllo

I fattori che contribuiscono a tali vantaggi sono fuori dal controllo delle aziende. Pertanto, nessuna azienda ottiene un vantaggio competitivo Vantaggio competitivo Un vantaggio competitivo è un attributo che consente a un'azienda di superare i suoi concorrenti. I vantaggi competitivi consentono a un'azienda di ottenere risultati rispetto ad altre poiché i vantaggi sono disponibili ugualmente a tutte le aziende.

2. Restrizioni di posizione

Spesso, le industrie cluster e le economie di scala esterne favoriscono una forte interrelazione. Può impedire alle aziende di spostarsi in una posizione lontana dal cluster.

Risorse addizionali

Finance offre la certificazione CBCA ™ Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ™ L'accreditamento Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ™ è uno standard globale per gli analisti del credito che copre finanza, contabilità, analisi del credito, analisi del flusso di cassa, modelli di covenant, prestito rimborsi e altro ancora. programma di certificazione per coloro che desiderano portare la propria carriera a un livello superiore. Per continuare ad apprendere e far progredire la tua carriera, le seguenti risorse saranno utili:

  • Informazioni asimmetriche Informazioni asimmetriche Le informazioni asimmetriche sono, proprio come suggerisce il termine, informazioni disuguali, sproporzionate o sbilanciate. Viene tipicamente utilizzato in riferimento a qualche tipo di accordo commerciale o accordo finanziario in cui una parte possiede informazioni più o più dettagliate rispetto all'altra.
  • Struttura dei costi Struttura dei costi La struttura dei costi si riferisce ai tipi di spese sostenute da un'azienda ed è generalmente composta da costi fissi e variabili. I costi fissi rimangono invariati
  • Esternalità negative Esternalità negative Le esternalità negative si verificano quando il prodotto e / o il consumo di un bene o servizio esercita un effetto negativo su una terza parte al di fuori del mercato. Una transazione ordinaria coinvolge due parti, cioè il consumatore e il produttore, che sono indicate come la prima e la seconda parte nella transazione.
  • Costo delle merci prodotte (COGM) Costo delle merci prodotte (COGM) Il costo delle merci prodotte, noto anche come COGM, è un termine utilizzato nella contabilità gestionale che si riferisce a un programma o una dichiarazione che mostra i costi di produzione totali per un'azienda durante un periodo di tempo specifico.

Raccomandato

Qual è il principio di divulgazione completa?
Come terminare un'e-mail - Chiusura di lettere
Qual è la legge di approvvigionamento?