La grande Depressione

La Grande Depressione è stata una depressione economica mondiale che ha avuto luogo dalla fine degli anni '20 agli anni '30. Per decenni si sono svolti dibattiti su ciò che ha causato la catastrofe economica e gli economisti rimangono divisi su diverse scuole di pensiero. In termini generali, l'evento è stato molto probabilmente causato da un sentimento degli investitori eccessivamente ottimista. per i consumatori e le imprese dopo la prima guerra mondiale

La grande Depressione:

L'ottimismo degli investitori e la spesa dei consumatori furono probabilmente stimolati dagli anni del dopoguerra degli anni '20. Cittadini e governi di tutto il mondo si sono sentiti sollevati dal fatto che i loro mezzi di sussistenza non fossero più in pericolo e hanno spostato la loro attenzione sulla costruzione di nuove vite. Banche e creditori hanno visto questa ritrovata fiducia come un'opportunità per rendere il credito più accessibile e trarre profitto dalla loro attività di prestito.

Per quasi un decennio, prestiti e mutui Mutuo Un mutuo è un prestito - fornito da un creditore ipotecario o da una banca - che consente a un individuo di acquistare una casa. Sebbene sia possibile contrarre prestiti per coprire l'intero costo di una casa, è più comune garantire un prestito per circa l'80% del valore della casa. sono stati concessi a individui e aziende con scarso rating di credito Punteggio FICO Un punteggio FICO, più comunemente noto come punteggio di credito, è un numero di tre cifre utilizzato per valutare la probabilità che una persona ripaghi il credito se l'individuo riceve un carta di credito o se un prestatore presta loro denaro. I punteggi FICO vengono utilizzati anche per determinare il tasso di interesse su qualsiasi credito esteso. Alla fine, il debito pubblico e dei consumatori alle stelle ha portato i mercati al crollo e il sentimento degli investitori ha vinto.

Crollo di Wall Street del 1929 (Martedì Nero)

Molti considerano il crollo di Wall Street del 29 ottobre 1929 come il punto di partenza ufficiale della Grande Depressione. Di seguito è riportato un grafico storico del Dow Jones Industrial Average Dow Jones Industrial Average (DJIA) Il Dow Jones Industrial Average (DJIA), anche comunemente denominato "il Dow Jones" o semplicemente "il Dow", è uno dei più popolari e indici del mercato azionario ampiamente riconosciuti, che mostrano il forte calo dell'indice durante la Grande Depressione dal 1929 all'inizio degli anni '30.

La grande depressione: dow jones 1915-1950Fonte: Macrotrends

Dal 28 al 29 ottobre 1929, il Dow crollò del 25% dall'oggi al domani, una perdita senza precedenti che fece vacillare l'economia statunitense. Nel giugno 1932, il Dow raggiunse il minimo storico di 789 punti, in calo dell'85% rispetto al suo massimo di 5507 nell'agosto 1929. Ci vorrebbero quasi 30 anni prima che il Dow si riprendesse al massimo precedente alla depressione, in Maggio del 1959.

Formula PIL mondiale PIL La formula PIL è composta da consumi, spesa pubblica, investimenti ed esportazioni nette. Suddividiamo la formula del PIL in passaggi in questa guida. Il prodotto interno lordo (PIL) è il valore monetario, in valuta locale, di tutti i beni e servizi economici finali prodotti in un paese durante un periodo di tempo specifico. cadde del 15% in quattro anni dal 1929 al 1932. Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti aumentò di sei volte, raggiungendo l'incredibile 22%. Le economie di tutto il mondo si sono fermate ei governi si sono sentiti spinti ad attuare politiche fiscali espansive.

Principali teorie economiche

Ci sono tre spiegazioni economiche generalmente accettate per La Grande Depressione:

Teoria comune

La teoria più ampiamente accettata che spiega la Grande Depressione è che i governi devono essere ritenuti responsabili dei cambiamenti nella politica fiscale durante tutti i climi economici. Pertanto, dovrebbero mirare a mantenere l'offerta di moneta aggregata e la domanda di moneta aggregata in crescita a un ritmo costante nel lungo periodo. Ad esempio, durante un periodo di recessione, la liquidità nel sistema bancario dovrebbe essere aumentata e le tasse dovrebbero essere tagliate per evitare il collasso della domanda e dell'offerta di moneta.

Nel caso della Grande Depressione, la maggior parte dei governi è stata troppo lenta a reagire o non ha reagito affatto. Alcuni economisti hanno persino sostenuto che le depressioni economiche fossero una buona cosa poiché (i) hanno costretto gli investimenti falliti a liquidare e (ii) hanno permesso che il capitale e il lavoro fossero liberati da attività improduttive e incanalati in segmenti economici in crescita.

Teoria monetarista

La teoria monetarista incolpa le banche e la Federal Reserve statunitense per non aver adottato misure per proteggere l'economia durante la Grande Depressione. Poiché l'offerta di moneta si è ridotta del 35% e l'IPC è sceso del 33%, la Fed ha impiegato troppo tempo per rispondere e non ha abbassato i tassi di interesse, aumentato la base monetaria o iniettato liquidità nel sistema bancario in tempo.

Il ritardo ha consentito agli indici del mercato azionario di scendere in modo significativo, il che ha portato gli investitori nel panico e a vendere i loro titoli. Cumulativamente, questi fattori hanno permesso a quello che era un periodo di recessione altrimenti intenso di diventare la Grande Depressione.

Teoria Keynesiana

La teoria keynesiana è stata formulata dall'economista britannico John Maynard Keynes. Afferma che la massima priorità del governo è mantenere l'occupazione il più alta possibile durante i periodi di recessione gestendo deficit. La teoria di Keynes ha anche osservato che i governi dovevano aumentare la spesa del settore pubblico o tagliare drasticamente le tasse.

Consenso

Tutte e tre le teorie sembrano indicare in generale la mancanza di risposta dei governi e delle agenzie durante i periodi di crisi economica. Il consenso è che avrebbero dovuto essere apportate rapide modifiche ai tassi di interesse, alle aliquote fiscali e alla liquidità.

Più risorse

Grazie per aver letto la guida di Finance alla Grande Depressione. Dai un'occhiata a queste risorse finanziarie aggiuntive per aiutarti nel tuo percorso di carriera finanziaria:

  • Indicatori economici Indicatori economici Un indicatore economico è una metrica utilizzata per valutare, misurare e valutare lo stato di salute generale della macroeconomia. Indicatori economici
  • Economia di mercato Economia di mercato L'economia di mercato è definita come un sistema in cui la produzione di beni e servizi è impostata in base ai mutevoli desideri e capacità del mercato
  • Effetto rete Effetto rete L'effetto rete è un fenomeno in cui gli utenti presenti di un prodotto o servizio beneficiano in qualche modo quando il prodotto o servizio viene adottato da utenti aggiuntivi. Questo effetto viene creato da molti utenti quando viene aggiunto valore al loro utilizzo del prodotto. L'esempio più grande e più noto di un effetto di rete è Internet.
  • Quantitative Easing Quantitative Easing Il Quantitative Easing (QE) è una politica monetaria di stampa di moneta, che viene implementata dalla Banca Centrale per dare energia all'economia. La Banca Centrale crea

Raccomandato

Cos'è il ciclo di reporting?
Calcolatore del fatturato dell'inventario
Cos'è uno sconto per blocco?