Cosa sono le barriere all'ingresso?

Le barriere all'ingresso sono gli ostacoli o gli ostacoli che rendono difficile l'ingresso di nuove imprese in un determinato mercato. Questi possono includere sfide tecnologiche, regolamenti governativi, politica fiscale La politica fiscale si riferisce alla politica di bilancio del governo, che prevede che il governo manipoli il proprio livello di spesa e le aliquote fiscali all'interno dell'economia. Il governo utilizza questi due strumenti per monitorare e influenzare l'economia. È la strategia sorella della politica monetaria. brevetti, costi di avviamento o requisiti di istruzione e licenza.

Barriere all'ingresso

L'economista americano Joe S. Bain ha dato la definizione di barriere all'ingresso come "un vantaggio dei venditori affermati in un settore rispetto ai potenziali venditori entranti, che si riflette nella misura in cui i venditori affermati possono aumentare costantemente i loro prezzi al di sopra dei livelli competitivi senza attirare nuovi concorrenti per entrare nel settore ". Un altro economista americano, George J. Stigler, ha definito una barriera all'ingresso come "un costo di produzione che deve essere sostenuto da un'azienda che cerca di entrare in un settore, ma non è sostenuto da aziende già nel settore".

Una barriera primaria all'ingresso è il costo che costituisce di per sé una barriera economica all'ingresso. Una barriera accessoria all'ingresso si riferisce al costo che non include una barriera all'ingresso di per sé ma rafforza altre barriere all'ingresso se presenti.

Una barriera antitrust all'ingresso è il costo che ritarda l'ingresso e quindi riduce il benessere sociale rispetto all'ingresso immediato e costoso. Tutte le barriere all'ingresso sono barriere antitrust all'ingresso, ma non è vero il contrario.

Tipi di barriere all'ingresso

Esistono due tipi di barriere:

# 1 Barriere naturali (strutturali) all'ingresso

  • Economie di scala Economie di scala Le economie di scala si riferiscono al vantaggio di costo sperimentato da un'impresa quando aumenta il suo livello di produzione. Il vantaggio deriva dalla relazione inversa tra il costo fisso per unità e la quantità prodotta. Maggiore è la quantità di output prodotta, minore è il costo fisso unitario. Tipi, esempi, guida: se un mercato ha economie di scala significative che sono già state sfruttate in larga misura dalle aziende esistenti, i nuovi entranti sono scoraggiati.
  • Effetto rete Effetto rete L'effetto rete è un fenomeno in cui gli utenti presenti di un prodotto o servizio beneficiano in qualche modo quando il prodotto o servizio viene adottato da utenti aggiuntivi. Questo effetto viene creato da molti utenti quando viene aggiunto valore al loro utilizzo del prodotto. L'esempio più grande e più noto di un effetto di rete è Internet. : Si riferisce all'effetto che più utenti hanno sul valore di un prodotto o servizio per altri utenti. Se una rete forte esiste già, potrebbe limitare le possibilità dei nuovi operatori di ottenere un numero sufficiente di utenti.
  • Elevati costi di ricerca e sviluppo: quando le aziende spendono enormi somme in ricerca e sviluppo, spesso è un segnale per i nuovi entranti che hanno grandi riserve finanziarie. Per competere, anche i nuovi partecipanti dovrebbero eguagliare o superare questo livello di spesa.
  • Costi di avviamento elevati: molti di questi costi sono costi irrecuperabili che non possono essere recuperati quando un'impresa lascia un mercato, come i costi di pubblicità e marketing e altri costi fissi.
  • Proprietà delle risorse chiave o delle materie prime: avere il controllo su risorse scarse, che altre aziende avrebbero potuto utilizzare, crea una barriera molto forte all'ingresso.

# 2 Barriere artificiali (strategiche) all'ingresso

  • Prezzi predatori, così come un'acquisizione: un'impresa può deliberatamente abbassare i prezzi per costringere i rivali a uscire dal mercato. Inoltre, le aziende potrebbero rilevare un potenziale rivale acquistando azioni sufficienti per ottenere una partecipazione di controllo.
  • Prezzi limite: quando le aziende esistenti stabiliscono un prezzo basso e una produzione elevata in modo che i potenziali operatori non possano realizzare un profitto a quel prezzo.
  • Pubblicità: anche questo è un costo sommerso. Maggiore è l'importo speso dalle imprese storiche, maggiore è il deterrente per i nuovi operatori.
  • Marchio: un forte valore del marchio crea lealtà dei clienti e, quindi, scoraggia le nuove imprese.
  • Contratti, brevetti e licenze: diventa difficile per nuove aziende entrare nel mercato quando le aziende esistenti possiedono la licenza o il brevetto.
  • Programmi di fidelizzazione: programmi e servizi speciali aiutano gli oligopolisti a fidelizzare i clienti e scoraggiano i nuovi entranti che desiderano guadagnare quote di mercato.
  • Costi di cambio : sono i costi sostenuti da un cliente quando cerca di cambiare fornitore. Comporta i costi per l'acquisto o l'installazione di nuove apparecchiature, la perdita del servizio durante il periodo di cambiamento, gli sforzi coinvolti nella ricerca di un nuovo fornitore o nell'apprendimento di un nuovo sistema. Questi sono sfruttati dai fornitori in larga misura al fine di scoraggiare potenziali concorrenti.

Barriere all'ingresso in diverse strutture di mercato

Tipo di struttura del mercatoLivello di barriere all'ingresso
Competizione perfettaZero barriere all'ingresso
Concorrenza monopolisticaBarriere medie all'ingresso
OligopolioElevate barriere all'ingresso
MonopolioBarriere all'ingresso da molto alte a assolute

Conclusione

Le barriere all'ingresso generalmente operano in base al principio dell'asimmetria, dove diverse aziende hanno strategie, risorse, capacità, accessi, ecc.

Più risorse

Grazie per aver letto questa guida sugli ostacoli all'ingresso in un mercato specifico. Per continuare ad apprendere e far progredire la tua carriera come analista certificato di modelli finanziari Certificazione FMVA® Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e Ferrari, queste risorse finanziarie aggiuntive saranno utili:

  • Economia di mercato Economia di mercato L'economia di mercato è definita come un sistema in cui la produzione di beni e servizi è impostata in base ai mutevoli desideri e capacità del mercato
  • Monopoly Monopoly Un monopolio è un mercato con un unico venditore (chiamato monopolista) ma molti acquirenti. A differenza dei venditori in un mercato perfettamente competitivo, un monopolista esercita un controllo sostanziale sul prezzo di mercato di una merce / prodotto.
  • Legge dell'offerta Legge dell'offerta La legge dell'offerta è un principio fondamentale in economia che afferma che, assumendo che tutto il resto sia costante, un aumento del prezzo dei beni avrà un corrispondente aumento diretto nell'offerta degli stessi. La legge dell'offerta descrive il comportamento del produttore quando il prezzo di un bene aumenta o diminuisce.
  • Economie di scala Economie di scala Le economie di scala si riferiscono al vantaggio di costo sperimentato da un'impresa quando aumenta il suo livello di produzione. Il vantaggio deriva dalla relazione inversa tra il costo fisso per unità e la quantità prodotta. Maggiore è la quantità di output prodotta, minore è il costo fisso unitario. Tipi, esempi, guida

Raccomandato

Cos'è una chiamata di margine?
Cosa sono le capacità analitiche?
Qual è il valore attuale delle opportunità di crescita?