Cos'è il teorema di M&M?

Il teorema di M&M, o teorema di Modigliani-Miller, è uno dei teoremi più importanti nella finanza aziendale. Il teorema è stato sviluppato dagli economisti Franco Modigliani e Merton Miller nel 1958. L'idea principale della teoria M&M è che la struttura del capitale Struttura del capitale La struttura del capitale si riferisce all'ammontare del debito e / o del capitale impiegato da un'impresa per finanziare le sue operazioni e finanze. i suoi beni. La struttura del capitale di un'impresa di una società non influisce sul suo valore complessivo.

La prima versione della teoria M&M era piena di limiti in quanto sviluppata partendo dal presupposto di mercati perfettamente efficienti, in cui le aziende non pagano le tasse, mentre non ci sono costi di fallimento o informazioni asimmetriche Informazioni asimmetriche Le informazioni asimmetriche sono, proprio come le termine suggerisce informazioni ineguali, sproporzionate o sbilenche. Viene tipicamente utilizzato in riferimento a qualche tipo di accordo commerciale o accordo finanziario in cui una parte possiede informazioni più o più dettagliate rispetto all'altra. . Successivamente, Miller e Modigliani hanno sviluppato la seconda versione della loro teoria includendo tasse, costi di fallimento e informazioni asimmetriche.

Teorema di Modligani-Miller

Il teorema di M&M in mercati perfettamente efficienti

Questa è la prima versione del teorema di M&M con l'ipotesi di mercati perfettamente efficienti. L'assunto implica che le società che operano nel mondo di mercati perfettamente efficienti non paghino alcuna tassa, la negoziazione di titoli sia eseguita senza alcun costo di transazione, il fallimento Fallimento Il fallimento è lo status giuridico di un'entità umana o non umana (un'impresa o un'agenzia governativa) che non è in grado di rimborsare i propri debiti insoluti ai creditori. è possibile ma non ci sono costi di fallimento e le informazioni sono perfettamente simmetriche.

Proposizione 1 (M&M I):

Proposizione 1 (M&M I)

Dove:

  • V U = Valore dell'impresa unlevered (finanziamento solo tramite capitale proprio)
  • V L = Valore dell'impresa con effetto leva (finanziamento attraverso un mix di debito e capitale proprio)

La prima proposizione afferma essenzialmente che la struttura del capitale della società non influisce sul suo valore. Poiché il valore di una società è calcolato come il valore attuale dei flussi di cassa futuri, la struttura del capitale non può influenzarlo. Inoltre, in mercati perfettamente efficienti, le aziende non pagano tasse. Pertanto, la società con una struttura del capitale con leva del 100% non ottiene alcun vantaggio dai pagamenti di interessi deducibili dalle tasse.

Proposizione 2 (M&M I):

Proposizione 2 (M&M I)

Dove:

  • r E = Costo del levered equity
  • r a = Costo dell'equità unlevered
  • r D = Costo del debito
  • D / E = rapporto debito / capitale proprio

La seconda proposizione del Teorema M&M afferma che il costo del capitale proprio della società Il costo del capitale netto è il tasso di rendimento richiesto da un azionista per investire in un'azienda. Il tasso di rendimento richiesto si basa sul livello di rischio associato all'investimento che è direttamente proporzionale al livello di leva finanziaria dell'azienda. Un aumento del livello di leva finanziaria induce una maggiore probabilità di insolvenza per un'azienda. Pertanto, gli investitori tendono a richiedere un maggior costo del capitale proprio (rendimento) per essere compensato per il rischio aggiuntivo.

Teorema di M&M nel mondo reale

Al contrario, la seconda versione del teorema di M&M è stata sviluppata per adattarsi meglio alle condizioni del mondo reale. Le ipotesi della versione più recente implicano che le aziende paghino le tasse; ci sono costi di transazione, fallimento e agenzia; e le informazioni non sono simmetriche.

Proposizione 1 (M&M II):

Proposizione 1 (M&M II)

Dove:

  • t c = Aliquota fiscale
  • D = Debito

La prima affermazione afferma che gli scudi fiscali che derivano dai pagamenti di interessi deducibili dalle tasse rendono il valore di una società con effetto leva superiore al valore di una società senza leva. La logica principale alla base del teorema è che i pagamenti di interessi deducibili dalle tasse influenzano positivamente i flussi di cassa di un'azienda. Poiché il valore di un'azienda è determinato come il valore attuale dei flussi di cassa futuri, il valore di una società con effetto leva aumenta.

Proposizione 2 (M&M II):

Proposizione 2 (M&M II)

La seconda proposizione per la condizione del mondo reale afferma che il costo del capitale ha una relazione direttamente proporzionale con il livello di leva.

Tuttavia, la presenza di scudi fiscali influisce sulla relazione rendendo il costo del capitale proprio meno sensibile al livello di leva. Sebbene il debito extra aumenti ancora la possibilità di insolvenza di una società, gli investitori sono meno inclini a reagire negativamente all'acquisizione di una leva aggiuntiva da parte della società, poiché crea gli scudi fiscali che ne aumentano il valore.

Più risorse

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Financial Modeling and Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale.

Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua conoscenza dell'analisi finanziaria, consigliamo vivamente le risorse finanziarie aggiuntive riportate di seguito:

  • Panoramica sulla finanza aziendale Panoramica sulla finanza aziendale La finanza aziendale si occupa della struttura del capitale di una società, compresi i suoi finanziamenti e le azioni intraprese dal management per aumentare il valore di
  • Legge di Little Legge di Little La Legge di Little è un teorema che determina il numero medio di elementi nei sistemi di accodamento, in base al tempo medio di attesa di un elemento all'interno di un sistema e
  • Costo del capitale unlevered Costo del capitale unlevered Il costo del capitale unlevered è il costo teorico di un'azienda che si finanzia per l'attuazione di un progetto di capitale, senza assumere alcun debito. Formula, esempi. Il costo del capitale unlevered è il tasso di rendimento implicito che un'azienda si aspetta di guadagnare sui propri asset, senza l'effetto del debito. Il WACC assume il capitale attuale
  • Metodi di valutazione Metodi di valutazione Quando si valuta una società come un'entità in funzionamento, vengono utilizzati tre metodi di valutazione principali: analisi DCF, società comparabili e transazioni precedenti. Questi metodi di valutazione sono utilizzati nell'investment banking, ricerca azionaria, private equity, sviluppo aziendale, fusioni e acquisizioni, acquisizioni con leva finanziaria e finanza

Raccomandato

Che cosa sono i Fondamenti di Standard & Poor & rsquo; s di Corporate Credit Analysis?
Cos'è il National Registration Database (NRD)?
Che cos'è un controllo dei precedenti dei dipendenti?