Che cos'è il factoring di contabilità clienti?

Il factoring di crediti verso clienti, noto anche come factoring, è una transazione finanziaria in cui una società vende i propri conti attivi. I crediti verso clienti (AR) rappresentano le vendite a credito di un'azienda, che non sono ancora interamente pagate dai suoi clienti, un'attività corrente su il bilancio. Le aziende consentono ai propri clienti di pagare in un periodo di tempo ragionevole ed esteso, a condizione che i termini siano concordati. a una società di finanziamento specializzata nell'acquisto di crediti (chiamato fattore) con uno sconto. Il factoring di contabilità clienti è noto anche come factoring di fatture o finanziamento di crediti.

Factoring di contabilità clienti

Comprensione del funzionamento del factoring della contabilità clienti

Il factoring è una transazione finanziaria in cui una società vende i propri crediti a una società finanziaria (chiamata fattore). Il factor incassa il pagamento sui crediti dai clienti dell'azienda.

Le aziende scelgono il factoring se desiderano ricevere denaro rapidamente piuttosto che attendere la durata dei termini di credito Tasso di interesse annuale effettivo Il tasso di interesse annuale effettivo (EAR) è il tasso di interesse che viene adeguato per la capitalizzazione in un determinato periodo. In poche parole, l'efficace. Il factoring consente alle aziende di creare immediatamente il proprio flusso di cassa Rendiconto finanziario Un rendiconto finanziario (chiamato ufficialmente Rendiconto finanziario) contiene informazioni sulla quantità di denaro che un'azienda ha generato e utilizzato durante un determinato periodo. Contiene 3 sezioni: contanti da operazioni, contanti da investimenti e contanti da finanziamento. e pagare eventuali obbligazioni in sospeso. Pertanto, il factoring aiuta le aziende a liberare capitale Capitale circolante netto Il capitale circolante netto (NWC) è la differenza tra un'azienda 's attività correnti (al netto della liquidità) e passività correnti (al netto dell'indebitamento) in bilancio. È una misura della liquidità di una società e della sua capacità di far fronte agli obblighi a breve termine nonché alle operazioni di finanziamento dell'attività. La posizione ideale è quella che è vincolata in crediti e trasferisce al factor anche il rischio di default associato ai crediti.

Modalità di determinazione del prezzo dei crediti contabili da parte delle società di factoring

Le società di factoring addebitano la cosiddetta "commissione di factoring". La commissione di factoring è una percentuale dell'importo dei crediti oggetto di factoring. Il tasso applicato dalle società di factoring dipende da:

  • Il settore in cui opera l'azienda
  • Il volume dei crediti da fattorizzare
  • La qualità e l'affidabilità creditizia dei clienti dell'azienda
  • Giorni insoluti nei crediti (giorni medi insoluti)

Inoltre, il tasso dipende dal fatto che si tratti di factoring pro soluto o factoring pro soluto. Le società di factoring di solito applicano un tasso inferiore per il factoring pro-soluto rispetto a quello per il factoring pro-soluto. Quando il factor sopporta tutto il rischio di sofferenza (nel caso di factoring pro soluto), viene applicato un tasso più elevato per compensare il rischio. Con il factoring pro-solvendo, la società che cede i propri crediti ha ancora delle passività nei confronti della società di factoring qualora alcuni dei crediti risultino inesigibili.

In sostanza, più è probabile che la società di factoring possa riscuotere i crediti, minore sarà la commissione di factoring.

Factoring pro soluto e factoring pro soluto

Il factoring dei crediti può essere pro soluto o pro soluto.

Ecco un confronto tra i due:

  • Trasferimento pro-solvendo: Nel trasferimento pro-soluto, il factor può richiedere il rimborso della società che ha ceduto i crediti se non può incassare dai clienti.
  • Trasferimento pro soluto: Nel trasferimento pro soluto, il factor si assume tutto il rischio di inesigibilità dei crediti. La società che ha ceduto i crediti non ha alcuna responsabilità per i crediti inesigibili.

Di seguito si riporta un esempio di factoring pro-soluto e factoring pro-soluto.

Esempi di factoring di contabilità clienti

1. Trasferimento senza regresso

La società A trasferisce 500 milioni di dollari di crediti, senza ricorso, per un ricavo di 400 milioni di dollari. La registrazione a giornale sarebbe la seguente:

Trasferimento senza regresso

Nota: $ 100 milioni sono considerati interessi passivi. Mostra che la società ha ottenuto un flusso di cassa prima di quanto avrebbe ottenuto se avesse aspettato l'incasso dei crediti.

2. Trasferimento pro solvendo

La società A trasferisce $ 500 milioni di crediti, pro solvendo, per proventi di $ 450 milioni meno $ 50 milioni trattenuti. Successivamente, il factor è in grado di riscuotere crediti per $ 490 milioni ($ 10 milioni di crediti inesigibili). Le registrazioni a giornale sono le seguenti, con la registrazione a giornale iniziale di seguito:

Trasferimento pro-solvendo - Registrazione prima nota iniziale

Nota : il conto "Fattore dovuto" è il potenziale pagamento per eventuali oggetti non collezionabili.

Dopo che il factor ha raccolto 490 milioni di dollari di crediti (10 milioni di dollari inesigibili):

Trasferimento pro solvendo:

Più risorse

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Global Modeling & Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per aiutare chiunque a diventare un analista finanziario di livello mondiale . Per continuare a far avanzare la tua carriera, le risorse finanziarie aggiuntive di seguito saranno utili:

  • Ciclo di vendita e raccolta Ciclo di vendita e raccolta Il ciclo di vendita e raccolta, noto anche come ciclo di entrate, crediti e entrate (RRR), è composto da varie classi di transazioni. Le classi di transazioni relative alle vendite e agli incassi sono le tipiche registrazioni prima nota che addebitano la contabilità clienti e accreditano i ricavi di vendita e addebitano contanti e accrediti
  • Indennità per conti dubbi Indennità per conti dubbi L'indennità per conti dubbi è un conto di contropartita associato ai crediti e serve a riflettere il valore reale dei crediti. L'importo rappresenta il valore dei crediti per i quali un'azienda non si aspetta di ricevere il pagamento.
  • Contabilità fornitori Contabilità fornitori La contabilità fornitori è una passività sostenuta quando un'organizzazione riceve beni o servizi dai suoi fornitori a credito. I debiti dovrebbero essere estinti entro un anno o entro un ciclo operativo (a seconda di quale sia il più lungo). L'AP è considerata una delle forme più liquide di passività correnti
  • Titoli di credito Titoli di credito I titoli di credito attivi sono cambiali scritti che danno al possessore, o al portatore, il diritto di ricevere l'importo stabilito in un contratto. I vaglia cambiari sono una promessa scritta di pagare in contanti a un'altra parte entro una data futura specificata. Se la nota da ricevere è esigibile entro un anno, viene trattata come un'attività corrente in bilancio.

Raccomandato

Cosa sono le spese autonome?
Cos'è Fannie Mae?
Quali sono i Global Investment Performance Standards (GIPS)?