Qual è la legge dell'utilità marginale decrescente?

La legge dell'utilità marginale decrescente afferma che l'utilità aggiuntiva ottenuta da un aumento del consumo diminuisce con ogni successivo aumento del livello di consumo. L'utilità marginale è la variazione dell'utilità totale dovuta a una variazione di un'unità nel livello di consumo. Consumo Il consumo è definito come l'uso di beni e servizi da parte di una famiglia. È una componente nel calcolo del prodotto interno lordo (PIL). I macroeconomisti utilizzano tipicamente il consumo come proxy dell'economia complessiva. . La Legge dell'utilità marginale decrescente afferma che l'utilità marginale diminuisce gradualmente con il livello di consumo.

Legge dell'utilità marginale decrescente

Utilità totale vs. utilità marginale

L'utilità totale è una misura aggregata della soddisfazione ottenuta dal consumo mentre l' utilità marginale è una misura della variazione della soddisfazione ottenuta dal consumo come risultato di una variazione del consumo.

MU (x) = TU (x) - TU (x - 1)

L'utilità marginale ottenuta dall'xesima unità di consumo è uguale alla differenza tra l'utilità totale ottenuta da x unità di consumo e l'utilità totale ottenuta da x – 1 unità di consumo.

La legge dell'utilità marginale decrescente: un'analogia

La legge dell'utilità marginale decrescente può essere meglio compresa attraverso un'analogia. Considera il seguente esempio:

John è estremamente affamato e va in un ristorante che offre un buffet. Si carica di cibo nel piatto e inizia a mangiare. La quantità di soddisfazione ottenuta da John da un piatto di cibo è direttamente proporzionale al livello di fame di John. Pertanto, il primo piatto di cibo darà a Giovanni più soddisfazione (utilità) rispetto al secondo piatto di cibo, che a sua volta darà a Giovanni più soddisfazione del terzo piatto di cibo.

La situazione sopra si verifica perché ogni piatto di cibo riduce il livello di fame di John. La riduzione del livello di fame si traduce in una minore soddisfazione dal piatto di cibo consumato. Ogni piatto di cibo riempie John e quindi diminuisce la quantità di soddisfazione che otterrà dai piatti di cibo che seguono. Matematicamente, può essere rappresentato dalla seguente tabella:

Analogia

Rappresentazione grafica della legge dell'utilità marginale decrescente

Legge dell'utilità marginale decrescente - Grafico

Ulteriori informazioni nel corso di matematica per la finanza aziendale.

Interpretazione matematica della legge dell'utilità marginale decrescente

La legge dell'utilità marginale decrescente afferma che la funzione di utilità è inclinata verso l'alto e concava. La teoria microeconomica neoclassica presume che tutte le merci siano divisibili all'infinito. Ciò consente agli economisti e ai matematici di assumere funzioni di utilità continue e utilizzare il calcolo per analizzare i cambiamenti marginali.

L'esempio sopra fa implicitamente uso del presupposto di continuità. Ad esempio, si può leggere dal grafico che 3,5 piatti di cibo danno al consumatore 27,5 unità di utilità. Se assumiamo una funzione di utilità continua, allora l'utilità marginale dall'x unità di consumo è semplicemente la pendenza (o derivata) della funzione di utilità totale in x unità.

Interpretazione matematica

Più risorse

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Financial Modeling and Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale.

Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua conoscenza dell'analisi finanziaria, consigliamo vivamente le risorse finanziarie aggiuntive riportate di seguito:

  • La rendita economica La rendita economica Per definizione, la rendita economica è la differenza tra il prodotto marginale e il costo opportunità. Quando un'azienda controlla preziose risorse di produzione come terra, lavoro e capitale, utilizzerà le risorse per portarle alla quantità di produzione ottimale.
  • Elasticità al prezzo Elasticità al prezzo L'elasticità al prezzo si riferisce a come la quantità richiesta o fornita di un bene cambia quando il suo prezzo cambia. In altre parole, misura la reazione delle persone a una variazione del prezzo di un articolo.
  • Domanda e offerta Domanda e offerta Le leggi della domanda e dell'offerta sono concetti microeconomici che affermano che in mercati efficienti, la quantità offerta di un bene e la quantità richiesta di quel bene sono uguali tra loro. Il prezzo di quel bene è anche determinato dal punto in cui domanda e offerta sono uguali tra loro.
  • Teoria dell'utilità Teoria dell'utilità Nel campo dell'economia, l'utilità (u) è una misura del beneficio che i consumatori traggono da determinati beni o servizi. Da un punto di vista finanziario, si riferisce al vantaggio che gli investitori ottengono dalla performance del portafoglio.

Raccomandato

Acquirente strategico o finanziario?
Cos'è il trading di CFD?
Cos'è la normalizzazione?