Che cos'è un prestito in sofferenza (NPL)?

Un prestito in sofferenza (NPL) è un prestito in cui il mutuatario è inadempiente e non ha pagato il capitale mensile e il rimborso degli interessi per un periodo specificato. I prestiti in sofferenza si verificano quando i mutuatari esauriscono i soldi per effettuare rimborsi o si trovano in situazioni che rendono loro difficile continuare a rimborsare il prestito.

Prestito deteriorato

Di solito, le banche classificano i prestiti come prestiti in sofferenza quando i rimborsi del principale Pagamento del capitale Un pagamento del capitale è un pagamento verso l'importo originario di un prestito dovuto. In altre parole, un pagamento del capitale è un pagamento effettuato su un prestito che riduce l'importo residuo del prestito dovuto, invece di applicarsi al pagamento degli interessi addebitati sul prestito. e gli interessi sono dovuti per più di 90 giorni o in base ai termini del contratto di prestito. Non appena un prestito è classificato come NPL, significa che le probabilità di ricevere rimborsi sono notevolmente inferiori.

Tuttavia, un mutuatario può iniziare a rimborsare un prestito che è già stato classificato come prestito in sofferenza. In tali casi, il prestito in sofferenza diventa un prestito in fase di riesecuzione.

Sommario

  • Un prestito in sofferenza (NPL) è un prestito in cui il mutuatario non ha effettuato rimborsi del capitale e / o degli interessi per almeno 90 giorni.
  • Quando una banca non è in grado di recuperare i crediti deteriorati, può riprendere possesso delle attività date in pegno come garanzia o vendere i prestiti alle agenzie di recupero crediti.
  • Quando una banca ha troppi prestiti in sofferenza nel suo bilancio, pone problemi di flusso di cassa per la banca poiché non guadagna più entrate dalla sua attività di credito.

Come le banche gestiscono i prestiti deteriorati

In generale, i crediti in sofferenza sono considerati crediti inesigibili perché le possibilità di recuperare i rimborsi dei prestiti inadempienti sono minime. Tuttavia, avere più prestiti in sofferenza nel saldo della società danneggia i flussi di cassa della banca, così come il prezzo delle azioni. Pertanto, le banche che hanno crediti deteriorati nei loro libri contabili possono intervenire per imporre il recupero dei prestiti che sono loro dovuti.

Una delle azioni che gli istituti di credito possono intraprendere è quella di impossessarsi di attività costituite in pegno come garanzia collaterale La garanzia collaterale è un'attività o una proprietà che un individuo o un'entità offre a un prestatore come garanzia per un prestito. Viene utilizzato come un modo per ottenere un prestito, fungendo da protezione contro potenziali perdite per il prestatore in caso di inadempienza del debitore nei suoi pagamenti. per il prestito. Ad esempio, se il mutuatario ha fornito un autoveicolo come garanzia del prestito, il mutuante prenderà possesso dell'autoveicolo e lo venderà per recuperare gli importi dovuti dal mutuatario.

Le banche possono anche precludere le case in cui i mutuatari non onorano i propri obblighi ipotecari e i rimborsi scadono per più di 90 giorni. L'istituto di credito può anche scegliere di vendere i prestiti in sofferenza alle agenzie di recupero crediti e agli investitori esterni per eliminare le attività rischiose dal proprio bilancio.

Le banche vendono i prestiti in sofferenza a sconti significativi e le agenzie di recupero crediti tentano di raccogliere quanto più possibile il denaro dovuto. In alternativa, il creditore può incaricare un'agenzia di recupero crediti per imporre il recupero di un prestito inadempiente in cambio di una percentuale dell'importo recuperato.

Tipi di crediti deteriorati

Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI), un prestito può diventare deteriorato nei seguenti modi:

  • Le rate del prestito di capitale e interessi sono dovute almeno 90 giorni e il prestatore non crede più che i mutuatari onoreranno i loro debiti. In questo caso, il prestito viene cancellato come un credito inesigibile nei libri contabili del prestatore.
  • I pagamenti degli interessi per novanta (90) giorni vengono capitalizzati, rifinanziati o ritardati a causa di modifiche al contratto di prestito.
  • I pagamenti del capitale e degli interessi sono scaduti da meno di 90 giorni e vi sono motivi per dubitare che il mutuatario non pagherà interamente il prestito in essere.

Impatto degli NPL sulle banche

Quando un prestatore registra un'elevata percentuale dei suoi prestiti in essere come prestiti in sofferenza, può danneggiare le prestazioni finanziarie del prestatore. Le banche guadagnano principalmente dagli interessi che applicano sui prestiti e, quando non sono in grado di riscuotere i pagamenti degli interessi dovuti dagli NPL, significa che avranno meno denaro a disposizione per creare nuovi prestiti e pagare i costi operativi.

Il denaro rappresenta un reddito potenzialmente perso e influisce sulla redditività del prestatore. Non solo influisce sul prestatore, ma lascia anche potenziali mutuatari con meno opzioni per ottenere prestiti dal prestatore.

Il possesso di un numero elevato di NPL rispetto al totale delle attività di una società rappresenta un rischio enorme per l'azienda. I potenziali investitori sono interessati a investire in società con libri contabili sani. Quando la percentuale di prestiti in sofferenza aumenta, diminuirà anche il prezzo delle azioni del prestatore. Gli NPL che una banca detiene nei suoi libri, tanto meno è attraente per i potenziali investitori perché la sua redditività futura ne risentirà se il prestatore non guadagnerà un reddito dalla sua attività di credito.

Inoltre, il prestatore sarà tenuto a mettere da parte una parte dei suoi profitti come accantonamenti per crediti inesigibili nel caso in cui sia tenuto a cancellare i debiti. Negli Stati Uniti, le banche con un'alta percentuale di prestiti in sofferenza sono attentamente monitorate dalla Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) La Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) è un'istituzione governativa che fornisce assicurazione sui depositi contro il fallimento della banca. L'organismo è stato creato per proteggere i depositanti i cui fondi sono a rischio.

Rapporto tra crediti deteriorati e prestiti totali

Le banche sono tenute per legge a segnalare il loro rapporto tra crediti in sofferenza e prestiti totali come misura del livello di rischio di credito della banca Rischio di credito Il rischio di credito è il rischio di perdita che può verificarsi a causa del mancato rispetto dei termini e le condizioni di qualsiasi contratto finanziario, principalmente, e la qualità dei prestiti in essere. Un rapporto alto significa che la banca è a maggior rischio di perdita se non recupera gli importi del prestito dovuto, mentre un rapporto piccolo significa che i prestiti in essere presentano un rischio basso per la banca.

Risorse addizionali

Finance offre la certificazione CBCA ™ Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ™ L'accreditamento Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ™ è uno standard globale per gli analisti del credito che copre finanza, contabilità, analisi del credito, analisi del flusso di cassa, modelli di covenant, prestito rimborsi e altro ancora. programma di certificazione per coloro che desiderano portare la propria carriera a un livello superiore. Per continuare ad apprendere e far progredire la tua carriera, le seguenti risorse saranno utili:

  • Indennità per conti dubbi Indennità per conti dubbi L'indennità per conti dubbi è un conto di contropartita associato ai crediti e serve a riflettere il valore reale dei crediti. L'importo rappresenta il valore dei crediti per i quali un'azienda non si aspetta di ricevere il pagamento.
  • Spese per crediti inesigibili Spese per debiti inesigibili La spesa per debiti inesigibili è il modo in cui le aziende rappresentano un conto creditore che non verrà pagato. Il debito inesigibile si verifica quando un cliente non può pagare a causa di
  • Attività deteriorate Attività deteriorate Un'attività deteriorata (NPA) è una classificazione utilizzata dagli istituti finanziari per prestiti e anticipazioni su cui il capitale è scaduto e su cui non
  • Probabilità di inadempienza La probabilità di inadempienza La probabilità di inadempienza (PD) è la probabilità che un mutuatario sia inadempiente sul rimborso del prestito e viene utilizzata per calcolare la perdita attesa da un investimento.

Raccomandato

Cos'è una chiamata di margine?
Cosa sono le capacità analitiche?
Qual è il valore attuale delle opportunità di crescita?