Che cosa sono gli investimenti diretti esteri (IDE)?

L'investimento diretto estero (FDI) è un investimento di una parte in un paese in un'azienda o una società Corporation Una società è un'entità legale creata da individui, azionisti o azionisti, con lo scopo di operare a scopo di lucro. Le società possono stipulare contratti, citare in giudizio ed essere citate in giudizio, possedere beni, versare tasse federali e statali e prendere in prestito denaro da istituzioni finanziarie. in un altro paese con l'intenzione di stabilire un interesse duraturo. L'interesse duraturo differenzia gli IDE dagli investimenti di portafoglio esteri, in cui gli investitori detengono passivamente titoli di un paese straniero. Un investimento estero diretto può essere effettuato ottenendo un interesse durevole o espandendo la propria attività in un paese straniero.

Vuoi saperne di più sugli investimenti? Diventa un analista finanziario di livello mondiale con la certificazione FMVA (Financial Modeling & Valuation Analyst) ™ Certificazione FMVA® Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma Ferrari!

Investimenti diretti esteri

Interesse duraturo e elemento di controllo

Un investimento in un'impresa estera è considerato un FDI se stabilisce un interesse duraturo. Un interesse duraturo viene stabilito quando un investitore ottiene almeno il 10% del potere di voto in un'impresa.

La chiave per gli investimenti diretti esteri è l'elemento di controllo. Il controllo rappresenta l'intento di gestire e influenzare attivamente le operazioni di un'azienda estera. Questo è il principale fattore di differenziazione tra FDI e un investimento di portafoglio estero passivo.

Per questo motivo, una quota del 10% delle azioni ordinarie di una società estera è un tipo di titolo che rappresenta la proprietà del capitale di una società. Esistono altri termini, come azioni ordinarie, azioni ordinarie o azioni con diritto di voto, equivalenti alle azioni ordinarie. è necessario per definire gli IDE. Tuttavia, ci sono casi in cui questo criterio non è sempre applicato. Ad esempio, è possibile esercitare il controllo su società maggiormente negoziate nonostante possieda una percentuale minore di azioni con diritto di voto.

Metodi di investimento diretto estero

Come accennato in precedenza, un investitore può effettuare un investimento diretto estero espandendo la propria attività in un paese straniero. Amazon che apre una nuova sede a Vancouver, in Canada, ne sarebbe un esempio.

Reinvestimento dei profitti da operazioni estere, nonché prestiti infragruppo a sussidiarie estere Filiale Una controllata (subordinata) è un'entità commerciale o società interamente posseduta o parzialmente controllata da un'altra società, denominata società madre o holding. La proprietà è determinata dalla percentuale di azioni detenute dalla società madre e tale quota di proprietà deve essere almeno del 51%. , sono considerati anche investimenti diretti esteri.

Infine, ci sono più metodi con cui un investitore nazionale può acquisire il potere di voto in una società straniera. Di seguito sono riportati alcuni esempi:

  • Acquisizione di azioni con diritto di voto in una società estera
  • Fusioni e acquisizioni Fusioni Acquisizioni Processo di fusione e acquisizione Questa guida illustra tutti i passaggi del processo di fusione e acquisizione. Scopri come vengono completate fusioni, acquisizioni e accordi. In questa guida, illustreremo il processo di acquisizione dall'inizio alla fine, i vari tipi di acquirer (acquisti strategici o finanziari), l'importanza delle sinergie e i costi di transazione
  • Joint ventures Joint Venture (JV) Una joint venture (JV) è un'impresa commerciale in cui due o più organizzazioni uniscono le proprie risorse per ottenere un vantaggio tattico e strategico nel mercato. Le aziende spesso entrano in una joint venture per perseguire progetti specifici. La JV può essere un nuovo progetto o un nuovo core business con società straniere
  • Avvio di una filiale di un'impresa domestica in un paese straniero

Scopri di più su fusioni e acquisizioni con il corso di modellazione per fusioni e acquisizioni (M&A) di Finance!

Vantaggi degli investimenti diretti esteri

Gli investimenti diretti esteri offrono vantaggi sia all'investitore che al paese straniero ospitante. Questi incentivi incoraggiano entrambe le parti a impegnarsi e consentire gli IDE.

Di seguito sono riportati alcuni dei vantaggi per le aziende:

  • Diversificazione del mercato Diversificazione La diversificazione è una tecnica di allocazione di risorse o capitali di portafoglio per una varietà di investimenti. L'obiettivo della diversificazione è mitigare le perdite
  • Incentivi fiscali
  • Riduzione dei costi di manodopera
  • Tariffe preferenziali
  • Sovvenzioni

La diversificazione è anche trattata nel corso di strategia aziendale e aziendale di Finance, assicurati di verificarlo!

Di seguito sono riportati alcuni dei vantaggi per il paese ospitante:

  • Stimolazione economica
  • Sviluppo del capitale umano Capitale Il capitale è tutto ciò che accresce la capacità di generare valore. Può essere utilizzato per aumentare il valore in un'ampia gamma di categorie, come finanziario, sociale, fisico, intellettuale, ecc. Negli affari e nell'economia, i due tipi più comuni di capitale sono finanziario e umano.
  • Aumento dell'occupazione
  • Accesso a competenze, capacità e tecnologia di gestione

Per le aziende, la maggior parte di questi vantaggi si basa sulla riduzione dei costi e sulla riduzione del rischio. Per i paesi ospitanti, i vantaggi sono principalmente economici.

Svantaggi degli investimenti diretti esteri

Nonostante molti vantaggi, ci sono ancora due principali svantaggi per gli IDE, come ad esempio:

  • Spostamento di imprese locali
  • Rimpatrio del profitto

L'ingresso di grandi aziende, come Walmart, potrebbe sostituire le imprese locali. Walmart viene spesso criticato per aver cacciato le attività commerciali locali che non possono competere con i suoi prezzi più bassi.

In caso di rimpatrio dei profitti, la preoccupazione principale è che le imprese non reinvestano i profitti nel paese ospitante. Ciò porta a grandi deflussi di capitali dal paese ospitante.

Di conseguenza, molti paesi hanno regolamenti che limitano gli investimenti diretti esteri.

Tipi ed esempi di investimenti diretti esteri

In genere, ci sono due tipi principali di IDE: IDE orizzontali e verticali.

Orizzontale: un'azienda espande le sue operazioni nazionali in un paese straniero. In questo caso l'azienda svolge le stesse attività ma in un Paese estero. Ad esempio, l'apertura di ristoranti di McDonald's in Giappone sarebbe considerata un IDE orizzontale.

Verticale: un'azienda si espande in un paese straniero spostandosi a un livello diverso della catena di fornitura. In altre parole, un'azienda svolge diverse attività all'estero ma queste attività sono ancora legate all'attività principale. Utilizzando lo stesso esempio, McDonald's potrebbe acquistare una fattoria su larga scala in Canada per produrre carne per i suoi ristoranti.

IDE - Orizzontale vs Verticale

Tuttavia, sono state osservate anche altre due forme di IDE: conglomerato e piattaforma IDE.

Conglomerato: un'azienda acquisisce un'attività non correlata in un paese straniero. Questo è raro, poiché richiede il superamento di due barriere all'ingresso: entrare in un paese straniero e entrare in un nuovo settore o mercato. Un esempio sarebbe se Virgin Group, che ha sede nel Regno Unito, acquisisse una linea di abbigliamento in Francia.

Piattaforma: un'azienda si espande in un paese straniero ma la produzione delle operazioni estere viene esportata in un paese terzo. Questo è anche indicato come FDI della piattaforma di esportazione. Gli IDE della piattaforma si verificano comunemente in luoghi a basso costo all'interno di aree di libero scambio. Ad esempio, se Ford acquistasse stabilimenti di produzione in Irlanda con lo scopo principale di esportare automobili in altri paesi dell'UE.

FDI - Tipo di piattaforma

Risorse addizionali

Il Corporate Finance Institute dispone di altre risorse che ti aiuteranno ad espandere le tue conoscenze e ad avanzare nella tua carriera. Dai un'occhiata ai link qui sotto:

  • Fondamenti di analisi finanziaria
  • Modellazione di fusioni e acquisizioni (M&A)
  • Strategia aziendale e aziendale
  • Politica fiscale Politica fiscale La politica fiscale si riferisce alla politica di bilancio del governo, che prevede che il governo manipoli il proprio livello di spesa e le aliquote fiscali all'interno dell'economia. Il governo utilizza questi due strumenti per monitorare e influenzare l'economia. È la strategia sorella della politica monetaria.

Raccomandato

Cos'è un ciclo aziendale?
Quali sono i tratti di leadership?
Cos'è la formula del flusso di cassa libero (FCF)?