Cosa sono le diseconomie di scala?

Le diseconomie di scala si verificano quando la produzione aumenta con l'aumento dei costi marginali Costi fissi e variabili Il costo è qualcosa che può essere classificato in diversi modi a seconda della sua natura. Uno dei metodi più diffusi è la classificazione in base ai costi fissi e ai costi variabili. I costi fissi non cambiano con l'aumento / la diminuzione delle unità di volume di produzione, mentre i costi variabili dipendono esclusivamente, il che si traduce in una riduzione della redditività.Indici di redditività Gli indici di redditività sono metriche finanziarie utilizzate da analisti e investitori per misurare e valutare la capacità di una società di generare reddito (utile) relativo a ricavi, attività di bilancio, costi operativi e patrimonio netto durante un determinato periodo di tempo. Mostrano quanto bene un'azienda utilizza le sue risorse per produrre profitto.Invece di diminuire i costi di produzione man mano che vengono prodotte più unità (come nel caso delle normali economie di scala), accade il contrario, ei costi aumentano con la produzione di ogni unità aggiuntiva.

Diagramma delle diseconomie di scala

Considera il grafico mostrato sopra. Qualsiasi aumento della produzione oltre Q 2 comporta un aumento dei costi medi. Questo è un esempio di diseconomie di scala: un aumento dei costi medi dovuto a un aumento della scala di produzione.

Molte aziende devono affrontare la sfida di gestire la pressione che segue a un'espansione, che si traduce in un aumento del carico di lavoro e in più clienti da servire. Crescita aziendale tramite fusioni Fusioni Acquisizioni Processo di fusione e acquisizione Questa guida illustra tutte le fasi del processo di fusione e acquisizione. Scopri come vengono completate fusioni, acquisizioni e accordi. In questa guida, illustreremo il processo di acquisizione dall'inizio alla fine, i vari tipi di acquirenti (acquisti strategici o finanziari), l'importanza delle sinergie e i costi di transazione forniscono un'alta probabilità di portare a una riduzione dei costi e ad un aumento redditività come un'entità in funzionamento.

Cause di diseconomie di scala

Diseconomie di scala Diseconomie di scala Le diseconomie di scala si verificano quando la produzione aumenta con l'aumento dei costi marginali, il che si traduce in una riduzione della redditività. Invece di diminuire i costi di produzione man mano che vengono prodotte più unità (come nel caso delle normali economie di scala), accade l'opposto e l'aumento dei costi può derivare da diversi fattori. I fattori possono includere interruzioni della comunicazione, mancanza di motivazione, mancanza di coordinamento e perdita di concentrazione da parte della direzione e dei dipendenti. Diseconomie di scala possono anche essere causate dalla mancanza di un adeguato coordinamento in un'azienda in cui gli sprechi operativi diventano all'ordine del giorno. Può anche verificarsi a causa di una mancata corrispondenza tra le varie operazioni e i livelli ottimali di output.

1. Interruzione della comunicazione

La comunicazione è importante in qualsiasi organizzazione, soprattutto nella gestione delle economie di scala. Un'interruzione della comunicazione potrebbe essere l'inizio di diseconomie di scala e avere effetti negativi di vasta portata sul business. Durante il processo di crescita in qualsiasi entità, un canale di comunicazione efficiente è vitale per il corretto funzionamento del business.

La crescita pone più sfide nella comunicazione man mano che le gerarchie cambiano e aumentano. Livelli di comando aumentati possono anche distorcere un messaggio mentre viaggia verso l'alto, verso il basso o lateralmente. Laddove un'organizzazione fa più affidamento su forme scritte di comunicazione come bacheche, newsletter e promemoria, ci sarà un sistema di comunicazione indebolito poiché tale comunicazione potrebbe non consentire il feedback.

2. Motivazione ridotta

Man mano che l'azienda cresce, la base di dipendenti aumenta, il che può farli sentire isolati e quindi meno motivati. Una piccola impresa impiega poche persone con un attaccamento personale all'azienda e uno stretto rapporto di lavoro con il proprietario e la direzione. Una grande forza lavoro con una minore interazione con il top management può facilmente perdere la concentrazione, con conseguente riduzione della redditività e diseconomie di scala. La diminuzione della motivazione e della lealtà dei dipendenti spesso porta a una diminuzione dei livelli di produttività e a un afflusso di costi marginali.

Le soluzioni alla bassa motivazione possono essere l'empowerment, il lavoro di squadra e l'arricchimento del lavoro. L'empowerment implica la delega nel prendere decisioni, il che fa sentire i dipendenti di livello inferiore un senso di appartenenza. Se un'opinione di un dipendente conta nella gestione quotidiana di un'azienda, la sua motivazione potrebbe aumentare e la creatività potrebbe aumentare notevolmente. L'arricchimento del lavoro implica rendere le professioni più interessanti e meno noiose.

Molte professioni implicano il lavoro di routine, il che fa sì che un dipendente faccia la stessa cosa anno dopo anno in una routine quotidiana 8-5. La routine è noiosa e ci si abitua e si può perdere la creatività. Rendere interessante un lavoro potrebbe comportare una rotazione dei ruoli di tanto in tanto, lasciando spazio alla creatività. L'arricchimento del lavoro può rendere interessanti le professioni da seguire se alle persone è consentito mettersi alla prova nei loro ruoli e, quindi, migliorare l'efficienza delle operazioni.

Il lavoro di squadra comporta la divisione dei dipendenti in team con l'obiettivo di migliorare l'interazione sul posto di lavoro. I team possono consolidare persone con idee diverse su come eseguire attività diverse e portano nuove idee nel team. La deliberazione in team sui modi migliori per svolgere determinate attività può migliorare significativamente le operazioni.

Esiste anche uno stretto legame tra motivazione e comunicazione; quando la comunicazione si interrompe, la motivazione si schianta di testa. Le interruzioni della comunicazione possono essere controllate dal top management poiché sono in alto nella gerarchia.

3. Mancanza di coordinamento e perdita di direzione

Man mano che un'entità cresce di dimensioni, diventa più difficile coordinare i dipendenti che, a loro volta, perdono direzione e motivazione. Molti dipendenti sono abituati a una routine e corrono il rischio di perdere motivazione e interesse per la redditività dell'azienda. I manager e i supervisori hanno anche difficoltà a coordinare le operazioni e garantire che tutti stiano facendo la loro parte in modo efficace. Le aziende saranno costrette ad assumere o promuovere più supervisori per supervisionare l'aumento delle operazioni e monitorare le prestazioni dei dipendenti. La mossa comporterà un aumento dei costi mentre la società si avvia verso l'ottimizzazione delle sue operazioni.

La soluzione ideale alla perdita di direzione e alla mancanza di coordinamento è delegare i compiti e il processo decisionale ai livelli junior nell'organigramma. Delegare compiti e responsabilità non solo fa risparmiare tempo, ma fornisce anche ai dipendenti di livello inferiore competenze migliori, piuttosto che aspettare che i livelli superiori di gestione diano indicazioni su ogni compito. Inoltre, la delega motiva i dipendenti junior a essere innovativi e creativi poiché passano dall'essere solo esecutori di funzioni a driver fondamentali di compiti specifici.

Diseconomie di scala e meccanizzazione

Anche l'introduzione iniziale delle macchine in un sistema prevalentemente manuale può comportare un aumento dei costi. Se un'azienda prevede di meccanizzare le proprie operazioni, tali esercizi dovrebbero essere introdotti in fasi per ridurre gli effetti delle diseconomie di scala.

Gli operatori della macchina e gli altri dipendenti dovrebbero seguire una formazione e dedicare del tempo a familiarizzare con i nuovi sistemi prima della data effettiva di meccanizzazione. Sebbene la transizione da sistemi manuali a sistemi meccanizzati possa non essere un compito facile, questa espansione e crescita dovrebbero essere pensate da tutte le parti interessate per identificare tutte le potenziali scappatoie. Coinvolgere le parti interessate nel processo di meccanizzazione aiuta a ridurre gli effetti delle diseconomie di scala.

Esempio di diseconomie di scala

Altre risorse

Finance offre la certificazione FMVA® Financial Modeling & Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari per coloro che desiderano portare la propria carriera a un livello superiore. Per continuare ad apprendere e far progredire la tua carriera, saranno utili le seguenti risorse finanziarie:

  • Economie di scala Economie di scala Le economie di scala si riferiscono al vantaggio di costo sperimentato da un'impresa quando aumenta il suo livello di produzione. Il vantaggio deriva dalla relazione inversa tra il costo fisso per unità e la quantità prodotta. Maggiore è la quantità di output prodotta, minore è il costo fisso unitario. Tipi, esempi, guida
  • Economies of Scope Economies of Scope Economies of Scope è un concetto economico che si riferisce alla diminuzione del costo totale di produzione quando una gamma di prodotti viene prodotta insieme piuttosto che separatamente.
  • Legge dell'offerta Legge dell'offerta La legge dell'offerta è un principio fondamentale in economia che afferma che, assumendo che tutto il resto sia costante, un aumento del prezzo dei beni avrà un corrispondente aumento diretto nell'offerta degli stessi. La legge dell'offerta descrive il comportamento del produttore quando il prezzo di un bene aumenta o diminuisce.
  • Economia di mercato Economia di mercato L'economia di mercato è definita come un sistema in cui la produzione di beni e servizi è impostata in base ai mutevoli desideri e capacità del mercato

Raccomandato

Cos'è la funzione di probabilità F.TEST?
Che cos'è il rapporto Avviso al lettore?
Modello di decalcolo delle imposte sulle vendite