Cos'è la teoria economica keynesiana?

La teoria economica keynesiana è una scuola di pensiero economica che afferma ampiamente che è necessario l'intervento del governo per aiutare le economie a uscire dalla recessione. L'idea viene dai cicli economici di boom e busti che ci si può aspettare dalle economie di libero mercato Economia di mercato L'economia di mercato è definita come un sistema in cui la produzione di beni e servizi è impostata in base ai mutevoli desideri e capacità del mercato e posiziona il governo come un "contrappeso" per controllare l'entità di questi cicli.

La teoria è stata sviluppata dall'economista britannico John Maynard Keynes (1883-1946) negli anni Quaranta. Keynes è anche noto per il suo lavoro sull'economia in tempo di guerra e ha contribuito a stimolare la creazione del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca mondiale.

John Keynes: teoria economica keynesiana John M. Keynes (Fonte: Biography Online)

Intervento del governo

Secondo la teoria economica keynesiana, ci sono tre parametri principali che i governi dovrebbero monitorare da vicino: tassi di interesse, aliquote fiscali e programmi sociali.

Tassi di interesse

Tassi di interesse Tasso di interesse Un tasso di interesse si riferisce all'importo addebitato da un prestatore a un mutuatario per qualsiasi forma di debito data, generalmente espresso come percentuale del capitale. , o il costo del prestito di denaro, svolgono un ruolo cruciale nel consentire la prosperità economica.

Durante i periodi di prosperità (o cicli di "boom"), la teoria economica keynesiana sostiene che le banche centrali Federal Reserve (The Fed) La Federal Reserve è la banca centrale degli Stati Uniti ed è l'autorità finanziaria dietro la più grande economia di libero mercato del mondo. dovrebbe aumentare i tassi di interesse al fine di generare più reddito dai mutuatari. Controllare l'entità di un boom economico è importante poiché troppi investimenti nei settori pubblico e privato potrebbero portare a una riduzione dell'offerta di moneta e, di conseguenza, a una grave recessione. La teoria economica keynesiana spinge anche le banche centrali e commerciali ad accumulare riserve di liquidità sulla scia degli aumenti dei tassi di interesse per prepararsi a future recessioni.

Durante i periodi di recessione (o cicli di "crisi"), la teoria spinge i governi ad abbassare i tassi di interesse nel tentativo di incoraggiare il prestito. Pertanto, gli investimenti nel settore privato aiuteranno a rafforzare la produzione e far uscire l'economia dalla recessione. A differenza dei cicli di boom, le banche dovrebbero combattere in modo aggressivo l'ampiezza del ciclo di crisi per garantire che l'economia si riprenda entro un lasso di tempo ragionevole.

Aliquote fiscali

Le imposte sul reddito sono la principale fonte di reddito del governo per finanziare iniziative del settore pubblico come infrastrutture, sanità, programmi sociali, ecc.

Durante i periodi di prosperità (o cicli di "boom"), la teoria economica keynesiana sostiene che i governi dovrebbero aumentare le aliquote dell'imposta sul reddito per partecipare alla crescita dell'attività economica. Questi tempi sono ideali anche per lanciare nuove iniziative pubbliche come la rimappatura del sistema fiscale o la revisione del sistema sanitario, poiché corrono un minor rischio di fallimento. I governi possono scegliere di introdurre tasse completamente nuove che prima non esistevano per generare ancora più reddito dall'aumento dei salari. Per contribuire a completare l'iniziativa, i governi possono anche offrire sgravi fiscali proporzionalmente minori. Scudo fiscale Uno scudo fiscale è una detrazione ammissibile dal reddito imponibile che si traduce in una riduzione delle imposte dovute. Il valore di questi scudi dipende dall'aliquota fiscale effettiva per la società o l'individuo. Le spese comuni che sono deducibili includono ammortamento, ammortamento,pagamenti ipotecari e spese per interessi al fine di stimolare la spesa dei consumatori.

Durante i periodi di recessione economica (o cicli di "crisi"), la teoria economica keynesiana sostiene che i governi dovrebbero abbassare le aliquote dell'imposta sul reddito per gli individui e le imprese. Pertanto, il settore privato avrebbe capitale finanziario aggiuntivo da investire in progetti e guidare l'economia in avanti. La speranza qui è che le riserve di liquidità generate durante i boom economici aiuterebbero ad attutire il calo dei proventi del governo.

Programmi sociali

Durante i periodi di prosperità (o cicli di "boom"), la teoria economica keynesiana sostiene che i governi dovrebbero diminuire la spesa per i programmi sociali poiché non sarebbero più necessari durante i cicli di boom. I programmi sociali mirano a fornire formazione professionale agli individui al fine di stimolare il mercato del lavoro con un afflusso di lavoratori qualificati. Durante i periodi di prosperità economica, si ritiene che l'economia abbia una fiorente forza lavoro, quindi non sono necessariamente necessari ulteriori investimenti.

Durante i periodi di recessione economica (o cicli di "crisi"), la teoria economica keynesiana sostiene che i governi dovrebbero aumentare la spesa per programmi sociali al fine di stimolare il mercato del lavoro con un afflusso di manodopera qualificata. L'idea è che un aumento dell'offerta di manodopera qualificata provocherebbe un calo dei salari, consentendo così alle imprese di ottenere dipendenti più produttivi senza aumenti significativi dei costi. Pertanto, l'economia sarebbe in grado di uscire lentamente da una recessione attraverso una forte forza lavoro.

La tabella seguente fornisce un breve riassunto della teoria economica keynesiana:

sintesi della teoria economica keynesiana

Più risorse

Finance offre la certificazione FMVA® Financial Modeling & Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari per coloro che desiderano portare la propria carriera a un livello superiore. Per ulteriori informazioni sugli argomenti correlati, consulta le seguenti risorse finanziarie:

  • Normative Economics Normative Economics L'economia normativa è una scuola di pensiero che crede che l'economia come materia debba trasmettere dichiarazioni di valore, giudizi e opinioni su politiche economiche, dichiarazioni e progetti. Valuta le situazioni e gli esiti del comportamento economico come moralmente buoni o cattivi.
  • Parità del potere d'acquisto Parità del potere d'acquisto Il concetto di parità del potere d'acquisto (PPP) viene utilizzato per effettuare confronti multilaterali tra i redditi nazionali e gli standard di vita dei diversi paesi. Il potere d'acquisto è misurato dal prezzo di uno specifico paniere di beni e servizi. Pertanto, la parità tra due paesi implica che un'unità di valuta in un paese comprerà
  • Quantitative Easing Quantitative Easing Il Quantitative Easing (QE) è una politica monetaria di stampa di moneta, che viene implementata dalla Banca Centrale per dare energia all'economia. La Banca Centrale crea
  • Domanda e offerta Domanda e offerta Le leggi della domanda e dell'offerta sono concetti microeconomici che affermano che in mercati efficienti, la quantità offerta di un bene e la quantità richiesta di quel bene sono uguali tra loro. Il prezzo di quel bene è anche determinato dal punto in cui domanda e offerta sono uguali tra loro.

Raccomandato

Corsi di modellistica finanziaria a Toronto
Cos'è l'indicatore Vortex (VI)?
Cos'è l'analisi del credito bancario?