Cos'è Basilea III?

L'accordo di Basilea 3 è un insieme di riforme finanziarie che è stato sviluppato dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (CBVB), con l'obiettivo di rafforzare la regolamentazione, la vigilanza e la gestione del rischio Rischio sistemico Il rischio sistemico può essere definito come il rischio associato al collasso o fallimento di un'azienda, industria, istituto finanziario o di un'intera economia. È il rischio di un grave fallimento di un sistema finanziario, per cui si verifica una crisi quando i fornitori di capitale perdono la fiducia negli utenti del capitale nel settore bancario. A causa dell'impatto della crisi finanziaria globale del 2008 sulle banche, Basilea III è stato introdotto per migliorare la capacità delle banche di gestire gli shock causati dallo stress finanziario. Costo del debito Il costo del debito è il rendimento che una società fornisce ai suoi debitori e creditori. Il costo del debito viene utilizzato nei calcoli WACC per l'analisi di valutazione.e per rafforzare la loro trasparenza e divulgazione.

Tema Basilea III

Basilea III si basa sugli accordi precedenti, Basilea I e II, e fa parte di un processo continuo per migliorare la regolamentazione nel settore bancario. L'accordo mira a evitare che le banche danneggino l'economia assumendosi più rischi di quanti ne possano sopportare.

Il Comitato di Basilea

Il BCBS è stato istituito nel 1974 dalla banca centrale Federal Reserve (The Fed). La Federal Reserve è la banca centrale degli Stati Uniti ed è l'autorità finanziaria dietro la più grande economia di libero mercato del mondo. governatori dei paesi del Gruppo dei Dieci (G10), in risposta alle perturbazioni nei mercati finanziari. Il comitato è stato istituito come forum in cui i paesi membri possono deliberare su questioni di vigilanza bancaria. BCBS ha la responsabilità di garantire la stabilità finanziaria rafforzando la regolamentazione, la supervisione e le pratiche bancarie a livello globale.

Il comitato è stato ampliato nel 2009 a 27 giurisdizioni, tra cui Brasile, Canada, Germania, Australia, Argentina, Cina, Francia, India, Arabia Saudita, Paesi Bassi, Russia, Hong Kong, Giappone, Italia, Corea, Messico, Singapore, Spagna, Lussemburgo, Turchia, Svizzera, Svezia, Sud Africa, Regno Unito, Stati Uniti, Indonesia e Belgio.

Il CBVB riferisce al Group of Governors and Heads of Supervision (GHOS). La sua segreteria si trova a Basilea, in Svizzera, presso la Banca dei regolamenti internazionali (BRI). Da quando è stato istituito, il CBVB ha formulato gli accordi di Basilea I, Basilea II e Basilea III.

Principi chiave di Basilea III

1. Requisiti patrimoniali minimi

L'accordo di Basilea III ha innalzato i requisiti patrimoniali minimi per le banche dal 2% di Basilea II al 4,5% di azioni ordinarie, come percentuale delle attività ponderate per il rischio della banca. C'è anche un ulteriore requisito di capitale di riserva del 2,5% che porta il requisito minimo totale al 7%. Le banche possono utilizzare il buffer in caso di stress finanziario, ma ciò può portare a ulteriori vincoli finanziari quando pagano i dividendi.

A partire dal 2015, il requisito patrimoniale Tier 1 è aumentato dal 4% a Basilea II al 6% a Basilea III. Il 6% include il 4,5% di capitale primario di classe 1 e un ulteriore 1,5% di capitale aggiuntivo di classe 1. I requisiti dovevano essere implementati a partire dal 2013, ma la data di implementazione è stata posticipata più volte e le banche hanno ora tempo fino al 1 ° gennaio 2022 per attuare le modifiche.

2. Indice di leva finanziaria

Basilea III ha introdotto un coefficiente di leva finanziaria non basato sul rischio per fungere da sostegno ai requisiti patrimoniali basati sul rischio. Le banche sono tenute a detenere un coefficiente di leva finanziaria superiore al 3%. Il coefficiente di leva finanziaria non basato sul rischio è calcolato dividendo il capitale di classe 1 per il totale medio delle attività consolidate di una banca.

Per conformarsi al requisito, la Federal Reserve Bank degli Stati Uniti ha fissato il coefficiente di leva finanziaria al 5% per le holding bancarie assicurate e al 6% per le istituzioni finanziarie di importanza sistemica (SIFI).

3. Requisiti di liquidità

Basilea III ha introdotto l'utilizzo di due coefficienti di liquidità: il coefficiente di copertura della liquidità e il coefficiente di finanziamento stabile netto. Il coefficiente di copertura della liquidità richiede alle banche di detenere sufficienti attività altamente liquide in grado di resistere a uno scenario di finanziamento stressato di 30 giorni, come specificato dalle autorità di vigilanza. Il mandato del coefficiente di copertura della liquidità è stato introdotto nel 2015 solo al 60% dei requisiti dichiarati e si prevede che aumenterà del 10% ogni anno fino al 2019, quando entrerà in vigore a pieno titolo.

D'altra parte, il Net Stable Funding Ratio (NSFR) richiede alle banche di mantenere un finanziamento stabile al di sopra dell'importo richiesto di finanziamento stabile per un periodo di un anno di stress prolungato. L'NSFR è stato progettato per affrontare i disallineamenti di liquidità e inizierà a diventare operativo nel 2018.

Impatto di Basilea III

Il requisito secondo cui le banche devono mantenere un importo minimo di capitale del 7% come riserva renderà le banche meno redditizie. La maggior parte delle banche tenterà di mantenere una riserva di capitale più elevata per proteggersi dalle difficoltà finanziarie, anche se riduce il numero di prestiti concessi ai mutuatari. Saranno tenuti a detenere più capitale rispetto alle attività, il che ridurrà le dimensioni dei loro bilanci.

Uno studio condotto dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nel 2011 ha rivelato che l'effetto a medio termine di Basilea III sul PIL sarebbe compreso tra -0,05% e -0,15% all'anno. Per restare a galla, le banche saranno costrette ad aumentare i loro spread di prestito mentre trasferiscono il costo aggiuntivo sui loro clienti.

L'introduzione di nuovi requisiti di liquidità, principalmente il Liquidity Coverage Ratio (LCR) e il Net Stable Funding Ratio (NSFR), influenzerà l'operatività del mercato obbligazionario. Per soddisfare i criteri delle attività liquide dell'LCR, le banche eviteranno di detenere attività ad alto deflusso come Veicoli speciali (SPV) Veicoli speciali (SPV) Un veicolo / entità speciale (SPV / SPE) è un'entità separata creata per un obiettivo specifico e ristretto, e che è tenuto fuori bilancio. SPV è un veicolo di investimento strutturato (SIV) Veicolo di investimento strutturato (SIV) Un veicolo di investimento strutturato (SIV) è un'entità finanziaria non bancaria costituita per acquistare investimenti progettati per trarre profitto dalla differenza dei tassi di interesse, nota come spread di credito - tra debito a breve e lungo termine. .

La domanda di attività secolarizzate e obbligazioni societarie di qualità inferiore diminuirà a causa dell'orientamento dell'LCR verso le banche che detengono titoli di Stato e obbligazioni garantite. Di conseguenza, le banche manterranno più attività liquide e aumenteranno la percentuale di debiti a lungo termine, al fine di ridurre il disallineamento delle scadenze e mantenere l'NSFR minimo. Le banche ridurranno inoltre al minimo le operazioni commerciali più soggette a rischi di liquidità.

L'implementazione di Basilea III influenzerà i mercati dei derivati, poiché più broker di clearing usciranno dal mercato a causa dei costi più elevati. I requisiti patrimoniali di Basilea III si concentrano sulla riduzione del rischio di controparte, che dipende dal fatto che la banca operi tramite un dealer o una controparte centrale di compensazione (CCP). Se una banca effettua una negoziazione di derivati ​​con un intermediario, Basilea III crea una passività e richiede un elevato requisito patrimoniale per tale operazione.

Al contrario, il commercio di derivati ​​tramite una CCP comporta solo una commissione del 2%, rendendolo più attraente per le banche. L'uscita dei dealer consoliderebbe i rischi tra un minor numero di membri, rendendo così difficile il trasferimento delle operazioni da una banca all'altra e aumentando il rischio sistemico.

Critiche

L'Institute of International Finance, un'associazione di categoria bancaria composta da 450 membri con sede negli Stati Uniti, ha protestato contro l'attuazione di Basilea III a causa del suo potenziale di danneggiare le banche e rallentare la crescita economica. Lo studio dell'OCSE ha rivelato che Basilea III ridurrebbe probabilmente la crescita del PIL annuo dallo 0,05 allo 0,15%.

Inoltre, l'American Bankers Association e una miriade di Democratici al Congresso degli Stati Uniti si sono opposti all'attuazione di Basilea III, temendo che avrebbe paralizzato le piccole banche statunitensi aumentando le loro partecipazioni di capitale su mutui e prestiti alle PMI.

Altre risorse

Finance è un fornitore globale di corsi di modellazione finanziaria e certificazione per analisti finanziari Certificazione FMVA® Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e Ferrari. Per continuare a sviluppare la tua carriera come professionista finanziario e acquisire una conoscenza più approfondita del settore bancario, consulta le seguenti risorse finanziarie aggiuntive:

  • Rischio di credito Rischio di credito Il rischio di credito è il rischio di perdita che può verificarsi a causa del mancato rispetto da parte di una parte dei termini e delle condizioni di qualsiasi contratto finanziario, principalmente,
  • Controlli sui capitali Controlli sui capitali I controlli sui capitali sono misure adottate dal governo o dalla banca centrale di un'economia per regolare il deflusso e l'afflusso di capitali stranieri nel paese. Le misure adottate possono essere sotto forma di tasse, tariffe, limitazioni di volume o legislazione assoluta.
  • Rischio di valuta Rischio di valuta Il rischio di valuta, o rischio di cambio, si riferisce all'esposizione affrontata da investitori o società che operano in paesi diversi, in relazione a guadagni o perdite imprevedibili dovuti a variazioni del valore di una valuta rispetto a un'altra valuta.
  • Quantitative Easing Quantitative Easing Il Quantitative Easing (QE) è una politica monetaria di stampa di moneta, che viene implementata dalla Banca Centrale per dare energia all'economia. La Banca Centrale crea

Raccomandato

Cosa sono i tasti di scelta rapida di PowerPoint
Qual è il coefficiente di determinazione?
Cos'è la surrogazione?