Cos'è una Stock Keeping Unit (SKU)?

Un'unità di stock Keeping o SKU è un numero assegnato a un prodotto ai fini della gestione dell'inventario. Può essere completato da revisori e altri e facilità di monitoraggio. In altre parole, un'unità di conservazione delle scorte è un identificatore univoco assegnato a ciascun prodotto per una registrazione più semplice ed efficiente.

SKU

L'importanza degli SKU

Le unità di conservazione delle scorte sono molto importanti e comunemente utilizzate da negozi al dettaglio, magazzini e centri di evasione dei prodotti. Le unità di stoccaggio hanno molti usi chiave, come i seguenti:

  • Identificare un prodotto specifico
  • Monitoraggio dell'inventario Inventario L'inventario è un conto delle attività correnti presente nel bilancio, costituito da tutte le materie prime, i prodotti in lavorazione e i prodotti finiti accumulati da un'azienda. È spesso considerato il più illiquido di tutte le attività correnti, quindi è escluso dal numeratore nel calcolo del rapporto rapido. per sapere quanti di un prodotto specifico sono disponibili
  • Aiutare a riconciliare i livelli delle scorte di prodotti
  • Identificazione della contrazione nell'inventario Riduzione dell'inventario La contrazione dell'inventario si verifica quando il numero di prodotti in magazzino è inferiore a quelli registrati nell'elenco dell'inventario. La discrepanza può verificarsi a causa di
  • Determinare quali prodotti sono i più redditizi (tramite analisi)
  • Aiutare a identificare il punto di riordino dei prodotti
  • Aiutare i clienti a risparmiare tempo consentendo loro di trovare rapidamente i prodotti

Come funzionano gli SKU?

Un'unità di magazzino è composta da lettere e numeri. I numeri e le lettere forniscono dettagli sul prodotto, come marca, numero di modello, colore, ecc.

Ogni azienda segue il proprio modo di creare SKU per i propri prodotti e non esiste un modo errato di creare uno SKU. Detto questo, ci sono alcune best practice quando si costruisce uno SKU per un prodotto.

  1. Rendi unico ogni SKU. Non riutilizzare mai uno SKU e assicurati che ogni prodotto venga fornito con uno SKU unico.
  2. Mantieni gli SKU brevi. Gli SKU lunghi possono essere difficili da leggere e potrebbero non funzionare in alcuni sistemi di gestione dell'inventario.
  3. Non utilizzare spazi o caratteri speciali. La creazione di uno SKU con spazi o caratteri speciali può confondere le persone.
  4. Non utilizzare lettere che possono essere scambiate con numeri. Evita di usare lettere come O e I, che possono essere scambiate per 0 e 1.

Esempio di costruzione di uno SKU

Supponiamo di essere incaricati di assegnare uno SKU per un prodotto specifico: un paio di jeans Gucci neri di media taglia.

Possiamo costruire uno SKU per il prodotto come segue: BLK-MED-G123-GUC

Dove:

  • Un trattino viene utilizzato per separare informazioni specifiche sul prodotto
  • BLK si riferisce al colore del prodotto (Nero)
  • MED si riferisce alla taglia del prodotto (Medium)
  • G123 si riferisce al numero di modello fornito dal produttore
  • GUC si riferisce alla marca del prodotto

Lo SKU per il paio di jeans è un buon esempio di SKU semplice, unico e breve che condivide anche informazioni vitali sul prodotto.

Applicazione di SKU

Jeff è il proprietario di un piccolo negozio di alimentari che vende una marca specifica di pane oltre ad altre 10 marche di pane. Jeff pensa che, poiché il suo negozio è piccolo, non è necessario utilizzare unità di stoccaggio su ogni singolo marchio.

Un giorno, un cliente entra nel negozio chiedendo se il negozio ha una marca specifica di pane. Jeff riconosce il nome del marchio e dice al cliente che portano quella marca di pane e lo guida dove si trova il corridoio del pane. Quindi vede che il negozio è esaurito per quella marca di pane e si scusa con il cliente.

Il giorno successivo, Jeff organizza un incontro con il suo responsabile dell'inventario, che dice: "Dovremmo avere uno SKU per ogni singolo prodotto nel nostro negozio - non è efficiente per me dover controllare manualmente se siamo a corto di prodotti specifici ogni giorno . Senza un sistema di inventario che incorpori lo SKU, devo sottrarre manualmente le quantità che abbiamo venduto dal nostro sistema di inventario. "

Seguendo il suggerimento del manager, Jeff impiega un'unità di stoccaggio per ogni prodotto specifico. Con questa configurazione, Jeff è ora in grado di controllare rapidamente il suo sistema informatico su ogni singolo prodotto e sui livelli di inventario.

Risorse addizionali

Finance è il fornitore ufficiale della certificazione FMVA® Financial Modeling and Valuation Analyst (FMVA) ™ Unisciti a oltre 350.600 studenti che lavorano per aziende come Amazon, JP Morgan e il programma di certificazione Ferrari, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale. Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua conoscenza dell'analisi finanziaria, consigliamo vivamente le risorse finanziarie aggiuntive riportate di seguito:

  • Fatturato dell'inventario Fatturato dell'inventario Il fatturato dell'inventario, o indice di rotazione dell'inventario, è il numero di volte in cui un'azienda vende e sostituisce le sue scorte di merci durante un determinato periodo. Considera il costo delle merci vendute, rispetto al suo inventario medio per un anno o in un determinato periodo di tempo.
  • Last-In, First-Out Last-In First-Out (LIFO) Il metodo di valutazione dell'inventario Last-in First-out (LIFO) si basa sulla prassi che le attività prodotte o acquisite per ultime siano le prime a essere spesate. In altre parole, con il metodo LIFO, gli ultimi beni acquistati o prodotti vengono rimossi e spesi per primi. Pertanto, i vecchi costi di inventario rimangono sul file
  • Ciclo operativo Ciclo operativo Un ciclo operativo (OC) si riferisce ai giorni necessari a un'azienda per ricevere l'inventario, vendere l'inventario e raccogliere denaro dalla vendita dell'inventario. Questo ciclo gioca un ruolo importante nel determinare l'efficienza di un'azienda.
  • Costi del prodotto Costi del prodotto I costi del prodotto sono i costi sostenuti per creare un prodotto destinato alla vendita ai clienti. I costi del prodotto includono il materiale diretto (DM), la manodopera diretta (DL) e le spese generali di produzione (MOH).

Raccomandato

Cos'è una chiamata di margine?
Cosa sono le capacità analitiche?
Qual è il valore attuale delle opportunità di crescita?